Fatti

Papa Francesco: “L’amore malato che si trasforma in violenza non è amore”

“La prepotenza conduce a una degenerazione dell’amore, penso alle donne che ne sono vittime oggigiorno”

Papa Francesco cardinale vaticano

Papa Francesco lo ha detto mille volte. Ma lo ripete anche oggi: “La prepotenza conduce a una degenerazione dell’amore. Penso all’amore malato che si trasforma in violenza, e quante donne ne sono vittime oggigiorno. Questo non è amore”. Ecco il discorso del Papa per la recita del Regina Caeli con i fedeli e i pellegrini riuniti in Piazza San Pietro:

Amare come Cristo significa dire di no ad altri ‘amori’ che il mondo ci propone: amore per il denaro, per il successo, per il potere…. Queste strade ingannevoli ci allontanano dall’amore del Signore e ci portano a diventare sempre più egoisti, narcisisti e prepotenti. E la prepotenza conduce a una degenerazione dell’amore, ad abusare degli altri, a far soffrire la persona amata. Penso all’amore malato che si trasforma in violenza, e quante donne ne sono vittime oggigiorno.

E ancora: “Questo non è amore. Amare come ci ama il Signore vuol dire apprezzare la persona che ci sta accanto e rispettare la sua libertà, amarla così com’è, gratuitamente. In definitiva, – ha sottolineato Papa Francesco – Gesù ci chiede di abitare nel suo amore, non nelle nostre idee, non nel culto di noi stessi; di uscire dalla pretesa di controllare e gestire gli altri, ma di fidarci e donarci agli altri”.

“Cari fratelli e sorelle, dove conduce questo rimanere nell’amore del Signore? Ce lo ha detto Gesù: ‘Perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena’. La gioia che il Signore possiede, perché è in totale comunione col Padre, vuole che sia anche in noi in quanto uniti a Lui. La gioia di saperci amati da Dio nonostante le nostre infedeltà ci fa affrontare con fede le prove della vita, – ha aggiunto Papa Francesco – ci fa attraversare le crisi per uscirne migliori. È nel vivere questa gioia che consiste il nostro essere veri testimoni, perché la gioia è il segno distintivo del cristiano. Ci aiuti la Vergine Maria a rimanere nell’amore di Gesù e a crescere nell’amore verso tutti, testimoniando la gioia del Signore risorto”.

E poi un augurio alle mamme:”A tutte le mamme del mondo, anche a quelle che non ci sono più. Non possono mancare le mamme… In questa domenica in numerosi Paesi si celebra la festa della Mamma: auguri! Un applauso alle mamme”