Fatti

Papa Francesco con il grembiule da pizzaiolo dei ragazzi di Pizzaut | VIDEO

Papa Francesco con il grembiule da pizzaiolo non si era ancora visto. Ieri, in occasione della giornata dedicata all’autismo Bergoglio ha ricevuto i ragazzi di Pizzaut e lo ha indossato

papa francesco grembiule pizzaiolo pizzaut

Papa Francesco con il grembiule da pizzaiolo non si era ancora visto. Ieri, in occasione della giornata dedicata all’autismo Bergoglio ha ricevuto i ragazzi di Pizzaut e lo ha indossato. Alla fine sono state distribuite pizze ai poveri nella piazza di San Pietro.

Papa Francesco con il grembiule da pizzaiolo dei ragazzi di Pizzaut | VIDEO

Stop ai “pregiudizi” nei confronti delle persone con disabilità. Il Papa riceve la Fondazione Italiana Autismo , alla vigilia della giornata dedicata all’autismo e coglie l’occasione per rilanciare il suo forte appello per una società più inclusiva. “Voi – dice Francesco- date un valido contributo alla lotta contro la cultura dello scarto diffusa nella nostra società troppo protesa alla competizione e al profitto”.
Il Papa esorta a “continuare a sensibilizzare sui vari aspetti della disabilità, abbattendo i pregiudizi e promovendo la cultura dell’inclusione e dell’appartenenza, fondata sulla dignità della persona. E la dignità di tutti quegli uomini e quelle donne più fragili e vulnerabili, troppo spesso emarginati perché etichettati come diversi o inutili, ma che in realtà sono una grande ricchezza per la società. In effetti, si rimane positivamente sorpresi scoprendo tanti casi di persone con disabilità che fanno una buona esperienza lavorativa – come alcuni di voi qui presenti -, offrendo così una testimonianza significativa”.

Bergoglio sottolinea come “le persone con disabilità non sono solo oggetto di cura, ma anche soggetto, questo è molto importante! Il samaritano può essere la stessa persona con disabilità, con autismo, che si fa prossimo all’altro, ponendo i propri talenti al servizio della comunità”. Da qui il monito: “Auspico che le stesse persone con disabilità diventino sempre più protagoniste di questo cambiamento, come voi oggi avete testimoniato collaborando insieme, istituzioni civili ed ecclesiali”.

Il pensiero del Pontefice va alla guerra in Ucraina: “Nelle ultime settimane si è aggiunta la tragedia della guerra in Ucraina: pensiamo a quanti sono più svantaggiati… Cari fratelli e sorelle, in questa situazione la nostra risposta dev’essere la solidarietà, il “fare rete”. Solidarietà nella preghiera e solidarietà nella carità che si fa condivisione concreta. Di fronte a tante ferite, soprattutto dei più vulnerabili, non sprechiamo l’opportunità di sostenerci a vicenda”. Francesco ricorda che “tra poco, in Piazza San Pietro, alcune persone con autismo cucineranno e offriranno il pranzo ai fratelli poveri. Un’iniziativa che testimonia lo stile del buon samaritano, lo stile di Dio: vicinanza, compassione, tenerezza”