Fatti

Il 17enne che ha ucciso a coltellate la madre a Napoli

La tragedia è avvenuta mercoledì sera nella zona dei Decumani. Il giovane non ha opposto resistenza all’arresto

Napoli uccide madre ferrara centro anidra morte ragazza neo balestra

Mercoledì sera, poco prima delle 21, le forze dell’ordine hanno fatto irruzione in quell’abitazione della zona dei Decumani dopo che alcuni passanti avevano chiamato i soccorsi. E lì, nel centro di Napoli, la ferale scoperta di quel figlio 17enne che uccide a coltellate la madre adottiva. La donna è stata trovata in casa, riversa in una pozza di sangue e il giovane non ha opposto resistenza all’arresto. I testimoni parlano di violente grida udite in precedenza, simbolo di una lite. E gli inquirenti stanno interrogando il giovane ragazzo di origini lituane per capire il movente di quell’insano gesto che ha portato alla morte di Filomena Galeone, psicologa della Asl locale di 61enne molto stimata in città.

Napoli uccide madre, 17enne accoltella la mamma adottiva

A far scattare l’allarme sono stati alcuni passanti. Quel quartiere, infatti, pullula di persone per via della movida universitaria di Napoli. Poco prima delle 21, infatti, il 17enne si è affacciato al balcone di quella palazzina nella zona dei Decumani: era sporco di sangue e chiedeva aiuto sostenendo che la madre stesse tentando il suicidio. Le forze dell’ordine, una volta arrivate sul posto, hanno dovuto attendere l’arrivo anche dei Vigili del Fuoco per sfondare il portone e accedere. E dentro quella casa hanno trovato il corpo senza vita – trafitto da numerosi fendenti – e in un lago di sangue di Filomena Galeone.

E lì, in quella stessa abitazione, c’era anche quel figlio adottivo di 17 anni in stato confusionale e sporco di sangue. Non si è opposto all’arresto ed è stato immediatamente arrestato e interrogato. Al momento non si conoscono le motivazioni che hanno portato il giovane a compiere quel gesto e se, al momento dell’aggressione con un coltello, fossero presenti in casa altre persone. Ed è stato sentito anche il marito della vittima, padre adottivo del ragazzo lituano, anch’egli medico molto conosciuto nella zona.