Fatti

Il focolaio con oltre cento positivi a bordo della nave da crociera Msc Grandiosa

A bordo della nave da crociera della Msc “Grandiosa” ci sono 150 positivi: 40 sono sbarcati a Genova, mentre il resto verrà fatto scendere tra Civitavecchia e Palermo

focolaio nave crociera msc grandiosa

Un focolaio di 150 positivi è esploso a bordo della nave Grandiosa della Msc Crociere, attraccata a Genova Ponte Doria questa mattina, proveniente da Marsiglia e diretta a Civitavecchia, Palermo e Malta. Vacanza rovinata per i passeggeri contagiati, per la maggior parte italiani, che sono stati costretti all’isolamento in cabine dotate di balcone. Fortunatamente nessuno di loro presenta sintomi gravi che prevedano un ricovero ospedaliero. Il protocollo prevede la vaccinazione di tutti i passeggeri e dell’intero equipaggio, che viene inoltre regolarmente testato ogni due giorni, mentre i crocieristi sono sottoposti al tampone a inizio, a metà e a fine crociera.

Il focolaio a bordo della nave da crociera Msc Grandiosa

La nave è giunta intorno alle 8,30 al porto del capoluogo ligure, dove il comandante ha comunicato la presenza del focolaio. Sono intervenute prontamente la Capitaneria di Porto e la Sanità Marittima che hanno provveduto a isolare i contagiati. Sono 1000 i passeggeri sbarcati in Liguria, tra cui 40 positivi; gli altri infettati sbarcheranno nei porti di Civitavecchia e Palermo. A Genova c’è stato però un ricambio, con 700 nuove persone salite a bordo, dove sono rimasti anche i circa 900 uomini dell’equipaggio. La nave doveva ripartire oggi pomeriggio alle 17, ma le procedure di sbarco dei contagiati hanno richiesto più tempo del previsto causando un leggero ritardo. Inoltre, non potrà lasciare Genova prima di una completa sanificazione. Tra i positivi a bordo anche alcuni passeggeri stranieri che oggi verranno trasferiti in strutture a bassissima intensità di cura in Liguria o anche fuori regione, dove trascorrere il periodo necessario fino alla negativizzazione. Se i posti nella struttura territoriale genovese dovessero esaurirsi, infatti, i rimanenti turisti stranieri positivi verranno accolti, secondo quanto appreso, in una rsa in Piemonte. A quel punto potranno fare ritorno nei loro Paesi d’origine. Con le stesse modalità si procederà allo sbarco dei passeggeri positivi residenti nel Centro e Sud Italia e al loro trasferimento protetto e sicuro verso le loro abitazioni per la quarantena. Tutti i trasferimenti e anche le degenze nelle strutture covid per i passeggeri stranieri sono a carico di Msc Crociere.