Fatti

Mottarone, alcuni video mostrano come già nel 2014 venissero usati i forchettoni

Sono state girate da un videoamatore svizzero appassionato di funivie. La procura di Verbania: “Abbiamo ricevute queste immagini e preferisco evitare in questo momento ogni valutazione”

Luigi Nerini mottarone freni

Il forchettone veniva usato sulla funivia del Mottarone già nel 2014. Lo dice l’emittente tedesca Zdf, che mostra le immagini girate da Michael Meier, un videoamatore svizzero appassionato di funivie. Meier avrebbe filmato la funivia del Mottarone in tre diverse occasioni: nel 2014, nel 2016 e nel 2018. Dopo l’incidente Meier ha quindi riesaminato foto e video e ha scoperto la presenza del dispositivo in grado di disattivare il freno. “Ho notato che questi forchettoni si vedono già in queste foto. Già nel 2014 questi forchettoni venivano usati con le persone in cabina”, ha detto Meier alla Zdf. Le immagini, evidenzia l’emittente, sono a disposizione anche degli inquirenti italiani. “Le abbiamo ricevute e preferisco evitare in questo momento ogni valutazione”, ha detto il procuratore capo di Verbania all’Adnkronos commentando l’esistenza di queste immagini.

Mottarone, i prossimi passi della procura

Intanto ieri in procura a Verbania si è svolto un incontro tra gli inquirenti e il consulente tecnico Giorgio Chiandussi, nominato dalla procura, per accertare le cause dell’incidente della funivia del Mottarone in cui domenica 23 maggio hanno perso la vita 14 persone. Ora il procuratore capo Olimpia Bossi e il pm Laura Carrera dovranno lavorare al quesito tecnico sulla fune e sul sistema frenante della cabina precipitata, esami che dovranno essere effettuati con la forma dell’accertamento irripetibile e quindi con le informazioni di garanzia a tutte le persone coinvolte per dare modo ai difensori di nominare i propri consulenti. La rimozione della cabina, secondo chi lavora all’inchiesta, “non ci sarà prima di settimana prossima”.Prosegue invece il sopralluogo sul Mottarone degli ispettori della commissione nominata dal ministero delle Infrastrutture per l’indagine in corso.