Fatti

È morto Guglielmo Epifani, ex leader della Cgil e segretario del Pd

Nato nel 1950, è stato il primo socialista a guidare il sindacato

È morto all’età di 71 anni Gugliemo Epifani, ex leader della Cgil ed ex segretario del Partito democratico. Nato a Roma nel 1950, attualmente era deputato di Liberi e Uguali, a cui era passato dopo l’esperienza nel Pd. Laureato in filosofia, Epifani è stato il primo socialista a guidare la Cgil.

Le reazioni della politica

Proprio mentre apprendevano la notizia della morte di Guglielmo Epifani, il segretario del Pd Enrico Letta era al Nazareno in riunione con Cgil, Cisl e Uil. Hanno interrotto la riunione e il numero uno dei democratici ha commentato: “Una giornata tristissima, una notizia drammatica, abbiamo interrotto la riunione per rispetto della sua memoria. Epifani è stato leader del sindacato e segretario del Pd in un momento difficile. Alla sua famiglia esprimo il cordoglio di tutti i democratici e di tutte le democratiche”. Era lì anche il segretario generale della Cgil Maurizio Landini: “Pessima Notizia la morte di Epifani. Per la Cgil è una mancanza grave, ha dato la sua vita a Cgil e sindacato. In questo momento siamo vicini alla moglie. Vedremo come organizzare un suo ricordo. La sua esperienza e la sua storia rimarranno sempre a ricordarci cosa vuol dire essere un dirigente sindacale”.

Il ministro della Cultura Dario Franceschini: “Ciao Guglielmo, uomo forte, gentile, colto, paziente e intransigente. Un dolore per tutti noi, e siamo tanti, che ti abbiamo voluto un grande bene”. Laura Boldrini: “È veramente un dolore apprendere della scomparsa di Guglielmo Epifani. Mi mancherà, e mancherà a tante e tanti di noi. Ha speso la sua vita a sostegno di lavoratrici e lavoratori. Una grande perdita per il Paese. Un abbraccio alla sua famiglia”. Il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta: “Sconcerto e dolore per la morte improvvisa di Guglielmo Epifani, compagno di tante battaglie. Collega deputato, gentile, serio, equilibrato. Dirigente sindacale che ha speso la sua vita da una parte sola: dalla parte dei lavoratori. Ciao Guglielmo, resterai un esempio per tutti noi”. Matteo Renzi: “Con la morte di Guglielmo Epifani il sindacato e la politica italiana perdono un signore. Un signore che si dimostrava tale anche e soprattutto quando capitava di non essere d’accordo con lui. Un pensiero commosso alla moglie e a tutte le persone che gli hanno voluto bene”.

Massimo D’Alema: “Sono profondamente colpito e addolorato per la prematura scomparsa di Guglielmo Epifani con il quale ho condiviso tanti anni di impegno, ammirando sempre la sua partecipazione intelligente e la correttezza con cui ha interpretato il suo ruolo nella politica e nel sindacato”.