Fatti

Ennio Doris, è morto a 81 anni il fondatore di Banca Mediolanum

Si è spento questa notte all’età di 81 anni Ennio Doris, storico fondatore della Banca Mediolanum, nata da un progetto imprenditoriale con il supporto di Silvio Berlusconi

ennio doris

È morto questa notte all’età di 81 anni Ennio Doris, fondatore e presidente onorario di Banca Mediolanum. Per oltre quarant’anni è stato protagonista della grande finanza italiana nonché imprenditore, banchiere e fondatore di una delle più importanti realtà del panorama bancario nazionale.

Dal 1996 è stato Amministratore Delegato di Mediolanum S.p.A, holding del Gruppo, sino al 2015, anno della fusione per incorporazione in Banca Mediolanum. Fino a allo scorso 3 novembre 2021 Ennio Doris ha ricoperto la carica di Presidente di Banca Mediolanum, giorno nel quale è stato nominato, a seguito di delibera assembleare, Presidente Onorario.

Nel febbraio 1982 la svolta con l’incontro a Portofino con Silvio Berlusconi: con il supporto imprenditoriale e logistico del Gruppo Fininvest, Ennio Doris ha fondato “Programma Italia”, la prima rete di consulenti globali nel settore del risparmio. Nel 1997 Programma Italia si trasforma in Banca Mediolanum, nata sul modello britannico senza sportelli, la prima a dare il servizio di home banking con telefono e il teletext con il televisore di casa.

Nel 2008 il testimone aziendale passa al figlio Massimo che da allora è alla guida di Banca Mediolanum come amministratore delegato. Appresa la notizia, Silvio Berlusconi ha voluto ricordarlo con un tweet: “Ci ha lasciato Ennio Doris, un grande uomo, un grande imprenditore, un grande italiano. Un uomo generoso, altruista, sempre attento agli altri, sempre vicino a chi aveva bisogno. Un mio grande amico. Ci mancherà moltissimo. A Massimo, a Sara, a Lina la mia vicinanza”.

Chi era Ennio Doris

Nato a Tombolo, vicino Padova, nel 1940, sposato dal 1966 con Lina Tombolato, Doris lascia i figli Massimo e Sara e 7 nipoti: Agnese, Alberto, Anna, Aqua, Davide, Luna Chiara e Sara Viola. Nel 1992 gli viene conferita l’onorificenza di ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica e nel 2002 quella di Cavaliere del Lavoro. Sempre nel 2002 consegue il master honoris causa in Banca e Finanza della Fondazione Cuoa. Dal 2000 al 2012 Doris è stato consigliere di amministrazione di Mediobanca e di Banca Esperia. Dal 1996 amministratore delegato della holding Mediolanum fino al 2015, anno della fusione per incorporazione in Banca Mediolanum. Fino allo scorso 3 novembre, Doris ha ricoperto la carica di presidente di Banca Mediolanum, per diventare presidente onorario a seguito di una delibera assembleare. Doris era anche presidente onorario della Fondazione Mediolanum Onlus.