Fatti

Il giallo della morte di Luc Montagnier rilanciato dalla Francia

@neXt quotidiano|

Famiglia Cristiana Montagnier morto

Un tweet pubblicato dalla testata France Soir con l’annuncio: Luc Montagnier è morto nella giornata di ieri, martedì 8 febbraio. Una notizia che al momento non trova conferme ufficiali dalla famiglia del premio Nobel per la Medicina, onorificenza ottenuta nel 2008. Sta di fatto che le condizioni di salute dello scienziato – che di recente è diventato l’idolo dell’universo no vax – stanno provocando un intenso dibattito sui social. 

Montagnier morto, il giallo del decesso rilanciato dalla Francia

Il tweet pubblicato poco prima delle 12 dal profilo ufficiale di France Soir recita:

“Il professor Luc Montagnier, Premio Nobel per la Medicina 2008, è morto pacificamente l’8 febbraio 2022 alla presenza dei suoi figli.
18 agosto 1932 – 8 febbraio 2022
Pace all’anima di questo grande uomo”.

Poi nessun’altra comunicazione. Sul sito ufficiale della testata francese, all’inizio, non risultava nessun articolo in merito, ma nella barra laterale si trova proprio quel tweet condiviso sul profilo ufficiale. Insomma, nessun pezzo di conferma, ma quel post social rimane visibile anche direttamente dalla homepage del sito del quotidiano transalpino. Poi, alle 15.45, la pubblicazione dell’articolo in cui si conferma il decesso del biologo attraverso le parole del dottor Il dottor Gérard Guillaume che collaborava con lui.

Da una parte, però, sono arrivate delle smentite. MediaMass sottolinea come quell’informazione sia priva di fondamento etichettandola come falsa. A sostegno di questa tesi, secondo il sito, ci sarebbero le dichiarazione dell’entourage del Premio Nobel francese che hanno “formalmente negato” la veridicità della notizia di Montagnier morto. Insomma, sembrerebbe essere una bufala. Poi, però, ecco comparire sui social un altra voce.

“Lutto Nazionale. Si è semplicemente sacrificato al compito di salvare ciò che poteva ancora essere salvato. Un uomo di rara intelligenza, curioso di tutto Il significato di servire fino alla fine Fedele alla scienza fino alla fine Dolore intenso e immensa gratitudine. Grazie professore”. A scriverlo è Alexandra Henrion-Caude, scienziata francese che oltre ad aver fondato Institut de Recherche SimplissimA è anche grande amica di Montagnier.

(foto ipp/marco becker)