Fatti

Maurizio Gritti: l’operaio morto schiacciato in un cantiere a Pagazzano

Si chiamava Maurizio Gritti e aveva 46 anni l’operaio che questa mattina è morto in un cantiere a Pagazzano, in provincia di Bergamo. L’uomo è rimasto schiacciato da una lastra di cemento

Si chiamava Maurizio Gritti e aveva 46 anni l’operaio che questa mattina è morto in un cantiere a Pagazzano, in provincia di Bergamo. L’uomo è rimasto schiacciato da una lastra di cemento.

Maurizio Gritti: l’operaio morto schiacciato in un cantiere a Pagazzano

L’incidente mortale si è verificato attorno alle 10 in un cantiere edile alla periferia del paese, in via Canoca, dove sono in costruzione delle villette. Sono stati inutili gli interventi degli operatori sanitari: è stato subito constatato il decesso. Sul posto sono intervenuti ambulanza, automedica, carabinieri e vigili del fuoco. Maurizio Gritti sarebbe morto sul colpo, schiacciato da una lastra di cemento armato che si sarebbe stccata dalla gru. Sul posto, per ricostruire l’accaduto, ci sono i carabinieri, assieme ai vigili del fuoco e personale dell’Ats. Gritti viveva a Calcinate con la moglie e due figli. Avrebbe compiuto 47 anni tra due giorni, l’8 di maggio. Il corpo è stato composto nella camera mortuaria dell’ospedale Papa Giovanni di Bergamo.