Fatti

Matteo Berrettini ha fatto la storia: è il primo italiano in finale a Wimbledon

Il 25enne tennista romano ha sconfitto in semifinale il polacco Hurkacz. Ora tra lui e il suo primo Slam c’è solo il vincente del match tra Djokovic e Shapovalov

Berrettini

London calling. Domenica gli occhi dei tifosi italiani si sposteranno in Inghilterra. E non solo per la Nazionale di calcio impegnata – contro i padroni di casa – nella finale di Campionati Europei. Perché mentre l’attenzione mediatica si è concentrata completamente sulle ultime notizie da Coverciano, a Londra c’è un altro nostro connazionale che ha fatto la storia: Matteo Berrettini, infatti, ha conquistato la finale di Wimbledon, il penultimo torneo del Grande Slam di Tennis dell’anno.

Berrettini in finale a Wimbledon, è il primo italiano nella storia

Il 25enne romano è il primo italiano nella storia ad accedere all’ultima partita del più antico torneo di tennis. Lo ha fatto con un percorso quasi netto, confermando tutti i pronostici che lo hanno visto sempre come favorito (per via del ranking Atp) e senza inciampare mai. Il penultimo atto della sua cavalcata gloriosa (inaugurata con il successo sull’erba del Queen’s di qualche settimana fa, sempre a Londra) lo ha visto sconfiggere con il punteggio finale di 3 set a 1 (6-3, 6-0, 5-7, 6-4) il polacco Hubert Hurkacz, numero 18 del ranking che aveva sconfitto Roger Federer ai quarti.

Ora il suo grande sogno è a un passo. Tra lui e il successo finale. a Wimbledon ci sarà solamente il vincente dell’altra semifinale che vedrà contrapposti Novak Djokovic (numero uno del ranking Atp e già vincitore di cinque edizioni) e il canadese Denis Shapolavov. Il tutto poche ore prima (e a poche miglia di distanza) della finale di Euro 2020 tra Italia e Inghilterra.

Prima di lui solo 4 italiani (ma nel “doppio”)

Prima di lui nessuno. Nei precedenti 144 anni del più antico torneo di tennis di sempre, solamente altri quattro italiani erano arrivati a disputare il match finale sul manto erboso dell’All England Lawn Tennis and Croquet Club. Si tratta di Nicola Pietrangeli e Orlando Sirola nel 1958 (sconfitti da dagli australiani Hoad e Rosewall) e del duo composto da Sara Errani e Roberta Vinci che trionfarono nel 2014 contro Babos e Mladenovic. Ovviamente, a differenza dell’impresa compiuta da Matteo Berrettini, i suoi quattro predecessori erano impegnati nel torno di “doppio” e gli amanti e appassionati di tennis sanno bene come questa differenza sia molto evidente in questo sport.

(foto IPP/pressesport)