Fatti

Mario Cipollini condannato a 3 anni per maltrattamenti in famiglia e stalking

neXt quotidiano|

Mario Cipollini

Una condanna a 3 anni di reclusione per maltrattamenti in famiglia, lesioni e stalking. Questa è la decisione presa dal Tribunale di Lucca nei confronti di Mario Cipollini, denunciato diversi anni fa dall’ex moglie Sabrina Landucci. Oltre alla pena detentiva, la giudice ha anche previsto un risarcimento di 80mila euro che l’ex numero uno italiano delle volate nel ciclismo dovrà versare nelle casse della vittima. L’ex ciclista ha già annunciato, attraverso le parole del suo legale, il ricorso in appello dopo la sentenza in primo grado.

Mario Cipollini condannato a 3 anni per maltrattamenti in famiglia

L’ex moglie di Mario Cipollini aveva denunciato l’ex marito diversi anni fa. L’episodio più grave, secondo i racconti che hanno aperto il fascicolo contro l’ex ciclista, è avvenuto il 6 gennaio del 2017. La donna aveva raccontato così l’aggressione subita:

“Stavo lavorando come ogni giorno nel centro sportivo quando Mario mi ha aggredito davanti a colleghi e clienti. Mi ha afferrata per il collo e poi mi ha sbattuto la testa contro il muro. Avevo lesioni, dolore sono dovuta andare al pronto soccorso (con 7 giorni di prognosi, ndr). Ma più che le ferite a farmi male è stato quel gesto così violento. Ancora oggi sono sconvolta”.

Episodi proseguiti nel tempo, soprattutto dopo che la relazione tra i due (sposati nel 1993 e conclusasi nel 2005) era terminata da diversi anni. Sabrina Landucci ha, infatti, raccontato ai giudici di aver subìto numerose minacce e di esser stata “perseguitata” dall’ex marito che – nonostante la fine del loro matrimonio – le avrebbe anche imposto

“controlli sulle frequentazioni e sull’abbigliamento”.

E ci sarebbero anche incursioni nell’abitazione della donna, senza chiedere autorizzazione, e la distruzione e danneggiamento di beni mobili. La causa tra i due, però, non si conclude qui. Dopo la sentenza di primo grado, il legale di Mario Cipollini ha annunciato ricorso in appello.

(Foto: Pier Maulini/IPP)