Attualità

La risposta definitiva di Sileri al dott. Amici, il medico che non crede nel vaccino anti COVID – VIDEO

“Con queste dichiarazioni credo che rimarrà medico di base ancora per poco” spiega Sileri a Mariano Amici il medico di Ardea con 6mila pazienti che dice “I vaccini non servono, i tamponi non servono”. E lo sfida: “Mi denunci, ma poi le conseguenze saranno sue”

Mariano Amici è un medico di Ardea segnalato all’Ordine dei medici di Roma per le sue dichiarazioni contro il vaccino anti COVID: “Non sono contro i vaccini e non sono un negazionista, anche perché sono 40 anni che li faccio. Ma lo schifo che ho visto sul vaccino anti-Covid… Quello che contesto è la modalità e cerco di spiegare perché sono contro questa vaccinazione”, spiegava qualche tempo fa anche in una diretta Facebook: “Un Governo serio avrebbe dovuto farsi garantire alcuni fatti rispetto al vaccino con una sperimentazione adeguata, il tempo che c’è stato a disposizione non è stato sufficiente per testare l’efficacia e per testarne l’immunità”. Ieri Mariano Amici è stato ospite a Piazzapulita. E il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri gli ha risposto per le rime. Formigli ha sottolineato che si tratta di un medico pagato dal Servizio Sanitario nazionale, da noi cittadini che dice “I vaccini non servono, i tamponi non servono”.

mariano amici piazzapulita scontro sileri video

 

E a quel punto Sileri ha sbottato: “Francamente questa cosa è incommentabile…se la vedrà con l’Ordine dei medici di Roma…qui siamo tornati al 1500, nemmeno Vesalio quando scriveva De humani corporis fabrica scriveva stupidaggini del genere. Lui dice che ha anche insegnato all’università. Non so neanche quali specializzazioni abbia, ma francamente non stiamo neanche parlando con un medico, stiamo parlando con uno studentello di Medicina che ancora non ha aperto un libro… Sono sicuro che questo “signore” e lo chiamo “signore” non sa neanche cosa è un ribosoma, non sa neanche come funziona un vaccino. Mi faccia vedere adesso quante pubblicazioni ha fatto nella sua vita”. E dopo un intervento di Formigli che ha di nuovo ricordato che è un medico di base, con 6mila pazienti, il viceministro ha aggiunto: “Con queste dichiarazioni credo che rimarrà medico di base ancora per poco”. Amici ha farfugliato qualcosa sul fatto che secondo lui Sileri non ha mai visto un malato di malattie contagiose e diffusive come fa lui ogni giorno chiamandolo “signore”. Sileri, dopo una provocazione di Selvaggia Lucarelli che ha chiesto ad Amici di andare a denunciare in Procura i misfatti commessi a suo avviso nell’emergenza COVID ha rilanciato: “Vada a denunciare me, poi però la avverto che le conseguenze sono le sue”. Amici non risponde, continua solo a dire che i suoi pazienti stanno bene.