Cultura e scienze

Maria Giovanna Maglie e il marito che lavora a La Prova del Cuoco

carlo spallino centonze maria giovanna maglie

Maria Giovanna Maglie in RAI è viva e lotta insieme a noi. Nonostante il programma su Raiuno sia saltato dopo l’ideona di immaginare un complotto a Sanremo dietro la vittoria di Mahmood, c’è qualcosa di lei anche nel palinsesto della tv pubblica:

Malgrado questo la Maglie in Rai conta eccome. Intanto perché è stata lei a ispirare la nomina di Teresa De Santis a direttrice di Rai Uno: Mgm in persona avrebbe sussurrato il suo nome all’orecchio di Salvini. I due non nascondono la loro frequentazione: “Ci siamo conosciuti su Twitter dove ci seguiamo a vicenda –ha detto lei in un’intervista a La Verità –. Abbiamo iniziato a sentirci. È il leader più grande dopo anni senza grandi leader”. Quello tra Maglie e De Santis (ripescata dopo anni di stagnazione alla guida del Televideo)è un rapporto di ferro, cementato da una terza donna: Francesca Immacolata Chaouqui (quella dello scandalo Vatileaks, amica e collaboratrice della giornalista).

Un triangolo femminile che a Rai Uno conta parecchio. E qui torniamo alla partenza: Maglie c’è anche se non si vede. In video invece va suo marito Carlo Spallino Centonze, nuovo giudice de La Prova del cuoco. Venti anni più giovane della moglie, Spallino è marchese per grado nobiliare; designer di gioielli, pittore e artista per vocazione. Ma pure cuoco autodidatta e “storico di cucina”: così almeno è stato inquadrato in Rai Uno.

carlo spallino centonze maria giovanna maglie
Carlo Spallino Centonze e Maria Giovanna Maglie (foto da: Dagospia)

NON È L’UNICO del “Team Mag l ie ”ad aver trovato spazio sulla prima rete. Come riporta La Notizia, anche l’amico di Mgm Andrea Velardi è stato chiamato a lavorare da autore al Caffè di Rai Uno. E Cesare Rascel, frequentatore delle feste di Maria Giovanna, è riuscito a far trasmettere su Rai Uno la serata-premio in onore di suo padre Renato, il comico scomparso. Un evento la cui comunicazione –ça va sans dire –è stata curata dalla società di Francesca Chaouqui.

Leggi anche: Il legame occulto tra le due inchieste sulla Lega