Fatti

Marco Zennaro è rientrato in Italia dopo un anno di detenzione in Sudan

L’imprenditore veneto, rimasto bloccato nel Paese africano per quasi un anno, è atterrato questa mattina a Fiumicino. Il papà: “Finalmente quest’incubo è finito”.

Marco-zennaro-sudan

Marco Zennaro è tornato in Italia. L’imprenditore veneto, trattenuto in Sudan per quasi un anno, oggi è arrivato a Roma atterrando all’aeroporto di Fiumicino, come riporta la Farnesina. L’uomo ha viaggiato con un volo di linea della compagnia aerea Turkish Airlines, proveniente da Istanbul. Il rientro di Zennaro era slittato di giorno in giorno da lunedì scorso, a causa di accertamenti clinici, scioperi e condizioni meteo avverse.

Marco Zennaro è rientrato in Italia dopo un anno di detenzione in Sudan

“Confermo la partenza di Marco dal Sudan”, aveva detto all’Adnkronos il papà Cristiano anticipando le news ufficiali. “Dopo 361 giorni finalmente l’incubo è finito. Ringrazio mio figlio per essere sopravvissuto a quei 75 terribili e infernali giorni di detenzione. Ringrazio la famiglia per aver trovato in tempi brevi le risorse finanziarie per far cessare la detenzione”.

Marco Zennaro, un anno fa, era arrivato in Sudan e lì era stato arrestato per via di una diatriba commerciale. Una volta scarcerato, nel giugno 2021, non era potuto tornare in Italia perché gli era stato imposto il divieto di uscire dal Paese; divieto revocato dopo aver pagato i 200mila euro di cauzione richiesti dal governo del Sudan.

“Ora finalmente sono a casa!”. Ha dichiarato Zennaro al suo arrivo all’aeroporto di Fiumicino l’imprenditore, apparso stanco ma di buon umore, accompagnato nel suo viaggio aereo da Luigi Maria Vignali, Direttore Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie e da uomini della Guardia di finanza e della Polizia in forza nello scalo aeroportuale.  Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, in missione in queste ore nella Repubblica del Congo, ha sentito telefonicamente Marco Zennaro e gli ha augurato un buon rientro in Italia.