Cultura e scienze

Marco Travaglio si scusa per l'intervista al Mannino sbagliato

marco travaglio

Ieri Il Fatto Quotidiano ha intervistato per errore Nino Mannino, esponente del PCI siciliano, invece del democristiano Calogero Mannino. Oggi Marco Travaglio in prima pagina ammette l’errore (materialmente fatto da Luca De Carolis) e si scusa con i lettori:

Oggi, per cominciare, ci prendiamo in giro da soli, perché ce lo siamo proprio meritato. L’altroieri decidiamo di intervistare sulle elezionisiciliane CalogeroMannino, già ministro e ras della Dc, uscito assolto da molte grane giudiziarie e buon conoscitore di unbel po’di candidatiche si sfidano domenica alle urne. Il nostro cronista, che l’ha già intervistato tre anni fa, trova il suo numero sull’agenda della redazione. Purtroppo –ma lo scopriremo solo alla fine –è il numero di un altro Mannino, Antonino detto Nino, anche lui ex deputato, ma non della Dc: del Pci.
Chiama: “Onorevole Mannino?”.“Sì, mi dica”.“Si ricorda di me? L’ho già intervistata per il Fatto tre anni fa”.“Sì, mi pare, dica pure…”. Ne viene fuori una bella intervista, come ce la aspettavamo. Mannino (Calogero, ma anche Nino) è un politico molto più intelligente della media (non solo fra quelli della seconda Repubblica, impresa piuttosto agevole, ma anche della prima), capace di ragionamenti sorprendenti e giudizi taglienti, mai scontati, anche su ex amici ed ex alleati. Insomma un democristiano anomalo che non fatichiamo a riconoscere nelle risposte dell’intervistato.

il fatto mannino

Ieri mattina scopriamo di avere sbagliato Mannino, perché i legali di Calogero smentiscono l’intervista e Nino smentisce di chiamarsi Calogero. Proviamo a intervistare –finalmente –Calogero, che però comprensibilmente preferisce soprassedere, non prima di avere scherzato sul nostro infortunio degno di Pirandello. Se cambiasse idea, siamo pronti ad ascoltarlo. Intanto ancora tante scuse a lui, a Nino e ai lettori.

Leggi sull’argomento: Il Fatto sbaglia persona e intervista il Mannino sbagliato