Attualità

Lula rifugiato politico in Italia?

dilma lula arresto nomina ministro proteste - 4

Lula rifugiato politico in Italia: questo, secondo il settimanale brasiliano Veja, sarebbe il “piano segreto” per evitare all’ex Presidente brasiliano – coinvolto nello scandalo Petrobras – il carcere. Secondo il settimanale il nostro Paese sarebbe stato scelto perché la moglie Maria Leticia, di origini italiane, ha la doppia cittadinanza. Il piano prevederebbe la richiesta di asilo a un’ambasciata, preferibilmente quella italiana, e l’acquiescenza del Parlamento a permettere successivamente il trasferimento dalla sede diplomatica all’aeroporto. Luiz Inacio Lula da Silva è accusato di occultamento di patrimonio e frode fiscale, ma si è sempre dichiarato innocente; inoltre, non dispera di poter entrare a far parte dell’esecutivo di Dilma Rousseff come capo di gabinetto, il che gli concederebbe un parziale scudo legale trasferendo la sua giurisdizione alla Corte Suprema.

lula rifugiato politico italia
L’articolo di Veja

La nomina, decisa da Rousseff tra molte polemiche a causa di un’intercettazione telefonica – secondo il governo illegale – nella quale avverte Lula dell’iniziativa sottolineandone la possibile utilità legale, è stata bloccata (a giuramento appena avvenuto) su iniziativa di un giudice federale che ha ritenuto trattarsi di un tentativo di intralciare il corso della giustizia. A pronunciarsi sulla questione, dopo l’immediato ricorso dell’esecutivo, sarà ora la stessa Corte Suprema. Rousseff a dire il vero sperava piuttosto che l’ingresso del predecessore potesse servire a rafforzare il suo esecutivo, in un momento di estrema difficoltà: travolta anche dalla crisi economica, Dilma è alle prese con l’intenzione dell’opposizione di chiederne l’impeachment, mozione il cui iter parlamentare – rimasto sospeso per alcuni mesi – è ripreso qualche giorno fa. A complicare ulteriormente lo scenario è il fatto che la sentenza di sospensione cautelativa ipotizza anche un possibile reato di “responsabilità” da parte di Dilma – che istituzionalmente non può commettere atti contrari alla “probità” della publlica amministrazione – e che fa parte della tipologia di reati in base al quale è appunto possibile avviare una procedura di impeachment.

Leggi sull’argomento: Lo strano destino di Lula: finire come un Silvio qualsiasi