Cultura e scienze

Luciano Casamonica e la casa abusiva a Fuori dal Coro

luciano casamonica casa abusiva

Luciano Casamonica ieri a Fuori dal Coro ha spiegato perché ha inviato una diffida al Comune di Roma per la casa abusiva abbattuta nel novembre 2018. Come si vede dal video pubblicato dall’account twitter della trasmissione Mediaset, l’intenzione di Mario Giordano era quella di fare show a pene di segugio.

Luciano Casamonica e la casa abusiva a Fuori dal Coro

“Io nel 1968-69 quando mio padre faceva il commerciante di cavalli, ho girato un film da protagonista e con i compensi ho comprato casa per un milione e trecentomila lire. Nel 1984 sono andato a sanarla e tutta la circonferenza dei terreni sono intestati a me”, dice Casamonica. E qui Mario Giordano attacca la scenetta isterica: “Ma la casa era abusivaaaaaaa!”

Casamonica chiede un risarcimento di dieci milioni di euro per la vicenda che ha portato all’abbattimento delle ville in via del Quadraro. Per ora ha però inviato solo una diffida indirizzata alla sindaca di Roma Virginia Raggi senza ancora adire le vie legali. Le ville vennero abbattute alla presenza di Raggi e Salvini. Il primo degli abbattimenti era partito dal porticato esterno di una villetta di color ocra delle otto abitazioni in via del Quadraro. La ruspa aveva rimosso il tetto dell’abitazione che ha un vistoso ingresso bordato in marmo e sovrastato da un tondo con un bassorilievo. L’area in cui si trovavano le ville è quella adiacente a via del Quadraro, alle spalle del Parco di Torre del Fiscale e vicina alla ferrovia Roma-Napoli, in parte proprietà del demanio delle FS, dove i Casamonica – e le loro ramificazioni in Di Silvio, Spada e Spinelli – hanno ottenuto i diritti di superficie. Otto ville in tutto ai civici 106 e 108, tutte su due livelli, che vanno dai 150 ai 400 mq totali. Un unico vasto comprensorio di famiglia.

 

EDIT: Mario Giordano ha risposto alla Raggi su Twitter:

 

“Se Raggi e Morra avessero visto #fuoridalcoro prima di giudicarlo avrebbero capito che parlare dei casamonica e delle loro folli richieste significa continuare la lotta contro i clan, e stare vicino alle vittime. Pensassero ad aiutare queste ultime anziché invocare censure idiote”. Lo scrive in un tweet il giornalista Mario Giordano dopo le polemiche perché tra gli ospiti di ieri a ‘Fuori dal coro’ c’era anche un esponente dei Casamonica. “E poi mi sono rotto le palle – prosegue Giordano – La trasmissione può non piacere, ci mancherebbe. Ma chi è che aveva ieri gli operai (450) della Mahle rimasti a casa? Chi è che la settimana scorsa aveva quelli della Embraco? Chi denunciava le parcelle dei liquidatori Ilva?”

Leggi anche: Fondazione Open, l’indagine sui soldi di Carrai a Renzi