Cultura e scienze

Luciano Casamonica a Fuori dal Coro su Rete 4

luciano casamonica fuori dal coro

Luciano Casamonica sarà ospite stasera a Fuori dal Coro su Rete 4. La trasmissione di Mario Giordano parlerà delle richieste di risarcimento dei Casamonica allo Stato italiano per i terreni e le case sequestrate e demolite e se ne discuterà in studio con Rita Dalla Chiesa, Luciano Casamonica e altri appartenenti alla famiglia. Casamonica chiede un risarcimento di dieci milioni di euro per la vicenda che ha portato all’abbattimento delle ville in via del Quadraro. Per ora ha però inviato solo una diffida indirizzata alla sindaca di Roma Virginia Raggi senza ancora adire le vie legali. Le ville vennero abbattute alla presenza di Raggi e Salvini

luciano casamonica

Il primo degli abbattimenti era partito dal porticato esterno di una villetta di color ocra delle otto abitazioni in via del Quadraro. La ruspa aveva rimosso il tetto dell’abitazione che ha un vistoso ingresso bordato in marmo e sovrastato da un tondo con un bassorilievo. Nel pomeriggio gli sgomberati saliti a bordo delle loro auto si erano poi posizionati in colonna lungo via del Quadraro, bloccando l’intera strada. Sul posto sono al lavoro i tecnici e gli agenti della polizia di Roma Capitale, diretti dal comandante Antonio Di Maggio. In serata anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte aveva fatto un sopralluogo.

nicola morra virginia raggi

L’area in cui si trovavano le ville è quella adiacente a via del Quadraro, alle spalle del Parco di Torre del Fiscale e vicina alla ferrovia Roma-Napoli, in parte proprietà del demanio delle FS, dove i Casamonica – e le loro ramificazioni in Di Silvio, Spada e Spinelli – hanno ottenuto i diritti di superficie. Otto ville in tutto ai civici 106 e 108, tutte su due livelli, che vanno dai 150 ai 400 mq totali. Un unico vasto comprensorio di famiglia. “Noi siamo italiani di 7 generazioni prendete provvedimenti, aiutate la povera gente. Che fate aiutate gli stranieri e noi italiani no? Dove andiamo ora? Andremo a casa di Salvini e della Raggi”, avevano urlato all’epoca alcuni residenti mentre portavano via scatoloni con abiti e suppellettili nel viavai di camion che trasloca i mobili. “Non ci hanno detto nulla – diceva proprio Luciano Casamonica – Non ci aspettavamo di essere sgomberati. Non sappiamo dove andare. Stanotte abbiamo dormito in macchina con dieci bambini”. “Qui vivono mia nipote, mio figlio – aggiunge – sono con loro da ieri per aiutarli. C’è anche una mia nipotina malata che è uscita pochi giorni fa dall’ospedale e ha bisogno di cure”. “Stavamo qui da 50 anni – dice – Non capisco perché hanno sgomberato tutto così senza preavviso”.

Durante lo sgombero trasformato in kermesse una giovane era passata in macchina per andare a prendere alcuni pacchi nelle villette ed aveva gettato Coca Cola addosso ai cameramen. Nicola Morra, presente alla conferenza stampa seguita alla demolizione, oggi si arrabbia: “Ospitare personaggi come Luciano Casamonica in TV è grave, contrario al senso di legalità che dovremmo avere a cuore tutti. È incomprensibile il perché si debba dare voce a chi ha saccheggiato, sfruttato un’intera città, agendo con violenza e prevaricazione. Voglio stigmatizzare questa comparsata che, se anche con le migliori intenzioni, non spiega la presenza di tale soggetto se non per meri motivi di share”. “Ospitare in tv un membro della famiglia Casamonica è una vergogna. Ringrazio il presidente della commissione antimafia Nicola Morra per le sue parole. Le istituzioni unite a testa alta nella loro battaglia per la legalità”, ha risposto Virginia Raggi, che oggi non ha trovato il tempo per giustificare come mai un acquazzone abbia quasi sommerso Roma ma ha almeno trovato la voglia di commentare il palinsesto di una tv privata.

Leggi anche: Come Irene Tinagli ha smontato le bufale della Lega e dei sovranisti sul MES