Attualità

Luca Pasquaretta: perché il portavoce di Chiara Appendino è indagato

luca pasquaretta chiara appendino paolo giordana

Ieri all’alba gli agenti della DIGOS hanno suonato a casa di Luca Pasquaretta, portavoce della sindaca di Torino Chiara Appendino, per sequestrargli cellulare e computer. Nel dicembre scorso erano stati sequestrati i suoi due computer, quello che usava al lavoro e quello personale. La procura di Torino procede nei suoi confronti per il reato di invasione di terreni o edifici destinati a uso pubblico e ipotizza, secondo quanto si è appreso, anche una serie di violazioni legate all’organizzazione di spettacoli e all’occupazione di suolo. Al centro di tutto c’è un evento collegato a Piazza San Carlo, che sta diventando ormai l’evento pubblico attorno al quale ruotano i destini dell’intera giunta grillina.

piazza san carlo
Cosa è successo a piazza San Carlo (Corriere della Sera, 5 giugno 2017)

Perché Luca Pasquaretta è sotto accusa? Spiega oggi Diego Longhin su Repubblica Torino che i reati di cui è accusato di solito vengono contestati a squatter e a raver e al centro c’è l’evento di Parco Dora in cui era stato posizionato il secondo maxischermo per la proiezione della finale di Champions League:

Fu un flop, appena duemila persone, quando invece una più equa distribuzione dei tifosi avrebbe potuto mettere al riparo i 35 mila accalcati in piazza San Carlo dalle conseguenze di quella fuga disordinata per la psicosi di un attentato in cui una giovane donna è morta e altri 1526 tifosi sono rimasti feriti. Ma indagando sull’organizzazione della serata i pm hanno scoperto che quello di Parco Dora è stato un evento “fantasma”, messo in piedi senza chiedere nemmeno l’occupazione del suolo pubblico e a quanto risulta non ci fu neppure il sopralluogo della Commissione di vigilanza della prefettura, a differenza di quanto avvenne per piazza San Carlo, sebbene la proiezione sotto la tettoia dello strippaggio di Parco Dora fosse inserita nei comunicati ufficiali del Comune.

luca pasquaretta parco dora
Parco Dora il giorno della finale di Champions League (foto da: Tuttosport)

L’evento quindi non era stato in alcun modo autorizzato, eppure la questura mandò agenti per l’ordine pubblico: per questo il caso potrebbe successivamente finire alla Corte dei Conti. Francesco Capra, che stava organizzando a Parco Dora una rassegna di street food (poi cancellata per scarsa partecipazione), fu l’allestitore:

Lui e Pasquaretta si conoscono da tempo Capra ed è per questo che a fine maggio, in una delle prime e delle poche riunioni organizzative per prepararsi al 3 giugno, il portavoce di Appendino riceve l’incarico di contattarlo: un incontro andato a buon fine poiché sono state proprio la M&M Global Service e altre società di Capra a fornire l’allestimento e il maxischermo per la proiezione di Juventus-Real Madrid sotto la tettoia di via Borgaro.

Leggi sull’argomento: Piazza San Carlo: Chiara Appendino non c’era e se c’era dormiva