Attualità

L'ideona di Renzi: tagliare le tasse a persone e aziende

Maria Teresa Meli sul Corriere della Sera racconta che il governo Renzi ha intenzione di attuare un colpo a sorpresa in vista delle amministrative di primavera: abbassare le tasse per le persone fisiche e per le aziende allo scopo di recuperare il consenso perduto a partire dal boom delle Europee:

Ci vuole ancora tempo perché si crei quel clima di fiducia nella «ripresa» che secondo Renzi è essenziale perché l’Italia ricominci a crescere. Gli elettori faticano ancora a vedere la luce fuori dal tunnel. E allora ci vuole un’idea, una mossa che spiazzi e attragga. Per questa ragione il premier ha messo al lavoro i suoi esperti a Palazzo Chigi. L’Europa non ci farà mai cancellare l’Imu. Insomma, nessun colpo di scena di berlusconiana memoria. Ma qualcosa si può fare. E gli uomini del presidente stanno verificando diverse opzioni per l’abbassamento delle tasse per le persone fisiche e per le aziende. Senza arrivare allo strappo con la Ue sui parametri attualmente in vigore.

Senato - Fiducia governo Renzi
L’idea, già in parte anticipata da altri in tv, viene così spiegata dalla Meli:

Non sarà il 2016 l’anno in cui condurre questa guerra. Quel conflitto, se andrà combattuto, può essere rinviato al 2017. Prima bisogna vincere la battaglia delle Amministrative. Magari dando anche per scontato che in qualche città forse si fallirà l’obiettivo. Però questa volta gli eventuali insuccessi si gestiranno meglio di quelli delle Regionali. Senza farsi prendere dal panico, dimenticando che la Campania è la terza regione più popolosa d’Italia e la Liguria è solo la dodicesima. Ma questo riguarda la fase post elettorale, ora Renzi è concentrato sul «pre». Gli serve un’idea che colpisca nel segno come gli 80 euro. Una strategia in testa il premier l’ha già.Anche se la conoscono solo pochi fedelissimi. Tutto sta a vedere se riuscirà a realizzarla.