Fatti

Libero De Rienzo: i risultati dell’autopsia

Secondo il referto dei medici legali l’attore è morto per via di un “arresto cardiorespiratorio per intossicazione acuta mortale da eroina”

Libero De Rienzo morte eroina

E’ morto a causa di un’overdose da eroina l’attore Libero De Rienzo, trovato senza vita nella sua abitazione in zona Madonna del Riposo a Roma lo scorso 15 luglio. E’ quanto emerso dai risultati dell’autopsia e degli esami tossicologici disposti dalla Procura di Roma eseguiti al Policlinico Gemelli.

Il decesso è riconducibile a un “arresto cardiorespiratorio per intossicazione acuta mortale da eroina”. Gli esami hanno rilevato anche tracce di cocaina e di benzodiazepine, che non sarebbero però la causa della morte.

Libero De Rienzo: i risultati dell’autopsia

Il pm Francesco Minisci, titolare del fascicolo, nell’avviso di conclusione delle indagini, atto che prelude di solito alla richiesta di rinvio a giudizio, ha notificato al gambiano Mustafa Minte Lamin, di 32 anni, le accuse che gli vengono contestate: detenzione, cessione di stupefacenti e morte come conseguenza di altro reato.

L’uomo, attualmente in carcere, è accusato di aver ceduto droga oltre all’attore anche ad altre 5 persone. Il reato di morte come conseguenza di altro reato viene con contestato alla luce del nesso emerso tra la cessione dell’eroina e il decesso dell’attore.

Si chiude così la vicenda legata alla morte dell’attore che aveva meravigliosamente interpretato Giancarlo Siani in Fortapàsc e aveva vinto il David di Donatello per il suo ruolo in Santa Maradona, film del 2001 con Stefano Accorsi.  Secondo quando riportato da Il Giornale, lo spacciatore sarebbe stato intercettato tramite le celle telefoniche a cui si era appoggiata la rete telefonica per sentire la vittima.