Attualità

Leonardo Sacco: chi è l'imprenditore arrestato per il CARA di Isola Capo Rizzuto

Leonardo Sacco è il governatore dell’associazione di volontariato “Fraternita di Misericordia” di Isola di Capo Rizzuto, nonché presidente della Confraternita Interregionale della Calabria e Basilicata, arrestato oggi nell’ambito dell’operazione della DDA contro la cosca Arena che fa parte della ‘ndrangheta. Con lui è stato fermato nell’ambito dell’operazione Jonny il parroco di Isola Capo Rizzuto, Don Edoardo Scordio.

Leonardo Sacco: chi è l’imprenditore arrestato per il CARA di Isola Capo Rizzuto

La cosca Arena, attraverso l’operato di Leonardo Sacco, secondo gli inquirenti si è aggiudicata gli appalti indetti dalla Prefettura di Crotone per la gestione dei servizi – in particolare quello di catering – relativi al funzionamento del centro di accoglienza richiedenti asilo “Sant’Anna” di Isola di Capo Rizzuto e di Lampedusa, affidati in sub appalto a favore di imprese appositamente costituite dagli Arena e da altre famiglie di ‘ndrangheta per spartirsi i fondi destinati all’accoglienza dei migranti. Il MoVimento 5 Stelle ha appena pubblicato questa fotocomposizione che ritrae Leonardo Sacco con Silvio Berlusconi, Matteo Renzi, Matteo Salvini e Angelino Alfano.

leonardo sacco 1
La fotocomposizione diffusa dal M5S che ritrae Sacco con Renzi, Alfano, Berlusconi e Salvini

Sacco, raccontava qualche tempo fa l’Espresso, poteva contare su amicizie trasversali, dal centrosinistra al centrodestra. Nel tempo ha costruito una rete di rapporti diplomatici con le istituzioni che si occupano dell’emergenza immigrazione. Le foto con il ministro Alfano sono state scattate a una convention di anni fa che riuniva gli amministratori del Nuovo Centro Destra, il partito di Alfano.
leonardo sacco angelino alfano
Leonardo Sacco con Angelino Alfano e Antonio Poerio nel 2011

In particolare, le indagini hanno documentato come le società di catering riconducibili ai cugini Antonio e Fernando Poerio, nonche’ ad Angelo Muraca, dal 2001 abbiano ricevuto, inizialmente con la procedura dell’affidamento diretto e successivamente in subappalto, la gestione del servizio mensa del centro di accoglienza di Isola la cui conduzione era stata ottenuta dall’associazione di volontariato “Fraternita di Misericordia”.

Leonardo Sacco e la cosca Arena

L’affidamento avveniva, sino al 2009 in via d’urgenza, in ragione dello stato di emergenza dovuto all’eccezionale afflusso di extracomunitari che giungevano irregolarmente sul territorio nazionale, poi grazie a tre gare d’appalto vinte. Al riguardo, le indagini hanno evidenziato come l’organizzazione criminale, al fine di neutralizzare le interdittive antimafia che nel tempo avevano colpito le sue società di catering, avesse provveduto più volte a mutamenti della ragione sociale e dei legali rappresentanti delle aziende controllate, proprio per mantenere inalterato il controllo della filiera dei servizi necessari al C.A.R.A. Di Sacco esistono foto che lo ritraggono in compagnia di Silvio Berlusconi e Pietro Grasso.

leonardo sacco
Leonardo Sacco con Silvio Berlusconi (foto da: L’Espresso)

La Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia – che ha la sua sede a Firenze – ha commissariato la federazione della Calabria: Confermiamo la nostra totale fiducia nell’operato dell’Autorità Giudiziaria – aggiunge la nota – auspicando una rapida conclusione delle indagini. Annunciamo già da adesso il commissariamento della Misericordia di Isola Capo Rizzuto e della Federazione Regionale Calabrese. Peraltro la gestione del centro di Isola Capo Rizzuto è da tempo affidata al consorzio “Opere di Misericordia”, con sede a Firenze, che continuerà i propri compiti nell’interesse degli ospiti secondo i principi che ci contraddistinguono”. Dal pomeriggio di oggi il consigliere nazionale della Confederazione, Alberto Corsinovi, sarà ad Isola Capo Rizzuto per seguire personalmente gli sviluppi della vicenda.

Leggi sull’argomento: Don Edoardo Scordio: chi è il parroco arrestato per il CARA di Isola Capo Rizzuto