Fatti

Le frasi della lite tra Totti e Spalletti

totti spalletti

La smentita di Luciano Spalletti è arrivata ieri, in tempo utile per finire sui giornali: un comunicato pubblicato sul sito dell’A.S. Roma. “Quanto leggo mi sorprende molto visto che, essendo stato espulso, non sono rientrato nel sottopassaggio con i calciatori. Ho atteso i giocatori nello spogliatoio e, ovviamente, ho avuto da dire visto che non ero contento di com’era andata la partita. Smentisco nel modo più categorico che ci sia stata una lite o, peggio ancora, un contro fisico con chiunque dei ‘miei’ calciatori. Io non metto le mani addosso ai ‘miei’ giocatori. Adesso basta perdere tempo, da domani al lavoro per il Torino”, fa scrivere Spalletti all’ufficio stampa della società. Ma i giornali sportivi e non riportano oggi i dettagli dello scontro con Francesco Totti, che non è arrivato alle vie di fatto solo perché c’è chi ha pensato a dividere i protagonisti.

Le frasi della lite tra Totti e Spalletti

La scena si è svolta nello spogliatoio dove Spalletti, come ha raccontato lui stesso, ha atteso i giocatori dopo la partita. Il tecnico è nervoso. Urla, alza i toni. E rimprovera i giocatori con frasi del tipo «non vincete mai, sono 10 anni che fate figure di m… e che sopporto certe combriccole». Gli sguardi sono bassi. Totti non ci sta. E risponde, probabilmente sbagliando i modi.  Spalletti si volta e gli dice: «Zitto tu, che vai in giro per le camere a giocare a carte alle 2 di notte». Il riferimento dell’allenatore è a una serata pre-partita che, sul piano degli orari, non sarebbe stata la migliore possibile per un ritiro, a maggior ragione prima di un match che si gioca alle 12.30. I toni si alzano ancora di più. E qui, racconta il Messaggero, Totti risponde con un «mo’ hai rotto» che preclude allo scontro fisico tra i due, poi bloccato dall’intervento degli altri giocatori e del personale dello staff.  In serata Spalletti, oltre tre ore dopo che la notizia è diventata di dominio pubblico e che sono arrivate conferme di ogni tipo, ha voluto comunque dare la sua versione dei fatti.