Fatti

Le due turiste belghe travolte e uccise da un pirata della strada alle porte di Roma

neXt quotidiano|

Turiste belghe investite Roma Jessy Dewildeman e Wibe Bijls

Erano appena arrivate nella capitale per trascorrere alcuni giorni di vacanza. Avevano noleggiato un NCC per arrivare all’interno della città, poi quel gesto di solidarietà che è costato loro la vita. Jessy Dewildeman e Wibe Bijls (entrambe di 25 anni) sono morte alle porte di Roma, travolte da un’automobile lungo la A24, nella zona di Tor Cervara. Le due turiste belghe si erano fermate, solo pochi istanti prima dell’impatto, per prestare soccorso ad altre persone rimaste ferite in un incidente su quel tratto di strada. La persona alla guida del veicolo che le ha investite non si è fermato e ha proseguito la sua folle corsa.

Turiste belghe investite e uccise da un pirata della strada alle porte di Roma

Il tutto è accaduto nel giro di pochi istanti all’altezza dello svincolo di Tor Cervara. Le due turiste belghe erano arrivate da poco a Roma e avevano noleggiato un NCC. Mentre stavano per entrare nella capitale, percorrendo il tratto urbano della A24, sono incappate in un precedente incidente automobilistico che aveva coinvolto altre persone. Si erano fermate, insieme al loro autista, per prestare soccorso e allertare le forze dell’ordine e il personale medico del 118. Ma proprio in quel momento un’automobile le ha investite e ha ripreso la propria corsa. Una fuga in direzione Roma, senza fermarsi per verificare le loro condizioni di salute.

Jessy Dewildeman e Wibe Bijls sono morte pochi minuti dopo, nonostante l’arrivo dell’ambulanza. Troppo gravi le ferite riportate da quel violento impatto. Da quell’auto che le ha falciate e non si è neanche fermata. Nella giornata di ieri, un sospetto è stato fermato dalle forze dell’ordine che, nel frattempo, hanno visionato le immagini delle telecamere di videosorveglianza e hanno raccolto le testimonianze dei presenti al momento di quell’impatto fatale che è costato la vita alle due 25enni originarie di Menen.