Attualità

La truffa della figlia del cardinal Ruini

neXt quotidiano|

cardinal ruini

La storia la racconta oggi il Corriere della Sera Roma, e riguarda una fantomatica agenzia che avrebbe risolto il problema dei debiti per bollette non pagate o con Equitalia che operava a Roma: la titolare sosteneva di avere parentele quantomeno illustri anche se illegittime. Con il cardinal Ruini:

Ad attribuirsi il legame di sangue con l’ex presidente della Conferenza Episcopale Italiana è stata Barbara Pompei, sotto processo con l’accusa di truffa e falso in atto pubblico. Secondo la procura, i soldi consegnati da chi si è rivolto alla sua agenzia per ottenere considerevoli sconti anche su multe di Equitalia, telefono e gas sono spariti.

Sul banco degli imputati siede anche Paola Acquaviva, che deve difendersi dalle stesse contestazioni. Le somme sottratte alle sette vittime – assistite come parti civili dall’avvocato Vincenzo Comi – arriva a sfiorare i 10mila euro. Una cifra considerevole, considerando che le persone rivoltesi alle due imputate, tra il novembre del 2015 e il marzo del 2016, sono tutte in serie difficoltà finanziarie. Infatti il presupposto essenziale, sbandierato sul sito dell’agenzia, per bussare alla porta delle imputate è la certificazione di una crisi economica.

due milioni ruini
Corriere della Sera, 31 gennaio 2016

A risolverla a quel punto sarà la società in via Ponte della Catena, quartiere Centocelle, che si chiama «Centro nazionale del lavoro ufficio del Vaticano»_

«È la Santa Sede giuravano le due donne – ad ispirare l’iniziativa». Anzi, loro reclamizzano che il vero «regista» fosse proprio Ruini, vicario del Santo Padre per la diocesi di Roma tra il 1991 e il 2008. Come hanno riferito le vittime al pm Louella Santini, a riceverle è sempre stata Pompei. Che al primo colloquio teneva a precisare – secondo le testimonianze rese in aula – la sua parentela: «Sono la figlia illegittima di Ruini». Poi spiegava che per accedere agli sconti bisognava lasciare metà della somma da pagare. Ma nessuno, per l’accusa, ha mai sistemato le pendenze.

Leggi sull’argomento: Esperanza: la bimba di venti mesi uccisa dai genitori