Attualità

La Superlega si sta già sfaldando: lascia il Manchester City e potrebbero farlo anche altri club

Tutte le squadre inglesi potrebbero abbandonare il progetto a breve. Incertezze anche per l’Atletico Madrid e il Barcellona.

Sta franando sempre di più il progetto della Superlega. Dopo le manifestazioni di dissenso arrivate da tutti gli angoli d’Europa, oggi è arrivato l’annuncio ufficiale del Manchester City, che ha comunicato di aver avviato le procedure per uscire: “Il Manchester City Football Club può confermare di aver formalmente emanato le procedure per il ritiro dal gruppo di sviluppo dei piani per una Super League europea”. Una decisione che è stata accolta con favore dal presidente dell’Uefa Aleksander Ceferin. Ha detto infatti:”Sono lieto di dare il bentornato al City nella famiglia del calcio europeo. Hanno mostrato grande intelligenza nell’ascoltare le tante voci – in particolare quella dei loro tifosi – che hanno enunciato i benefici vitali che l’attuale sistema ha per tutto il calcio europeo. Ci vuole coraggio per ammettere un errore, ma non ho mai dubitato che avessero la capacità e il buon senso di prendere quella decisione”.

Questa stessa strada la potrebbero seguire anche gli altri club inglesi. Stasera si è infatti tenuta una riunione tra i presidenti dei 12 club fondatori. E, secondo alcune indiscrezioni di stampa estera tutti le squadre della Premier potrebbero fare marcia indietro. Le squadre di Premier League avrebbero preso questa scelta dopo le pressioni in Inghilterra e l’avrebbero comunicato a Barça, Madrid, Atlético, Milan, Inter e Juventus all’incontro di stasera. Avrebbero fatto sapere che non intendono andare avanti con il progetto. Potrebbero uscire quindi anche Tottenham, Liverpool, Arsenal, Chelsea e Manchester United. Per quanto riguarda il Liverpool, i calciatori hanno già manifestato tutto il loro dissenso tramite le parole del loro capitano Jordan Henderson, che ha twittato che l’intera squadra si oppone alla Superlega. “Non ci piace e non vogliamo che accada. Questa è la nostra posizione collettiva. Il nostro impegno per questo club di calcio e i suoi tifosi è assoluto e incondizionato”. Del Manchester United si è invece già dimesso il ceo Ed Woodward. Anche le squadre spagnole, con l’eccezione del Real Madrid, non sono più certe di partecipare. L’Atletico infatti sembrava stesse per abbandonare, salvo poi fare una sterzata finale. Il Barcellona invece dovrà aspettare che deliberi l’assemblea dei soci. E, anche loro, potrebbero dire di no. Questo della Superlega potrebbe quindi rivelarsi (per fortuna) il più grande flop della storia del calcio.