Attualità

La storia dell'abolizione della polizia morale in Iran: cosa non torna?

neXt quotidiano|

polizia morale iran

Oggi tutte le principali testate nazionali e internazionali hanno riportato la notizia secondo cui l’Iran avrebbe abolito la polizia morale. Come riporta ANSA, il procuratore generale iraniano Mohammad Jafar Montazeri ha detto: «La polizia morale non ha niente a che fare con la magistratura, ed è stata abolita da chi l’ha creata» e ha aggiunto che «il sistema giudiziario continuerà a controllare i comportamenti nella società». Montazeri ha detto anche che le autorità stanno pensando di rivedere e modificare la legge sull’obbligo per le donne iraniane di indossare l’hijab anche se non ha chiarito i dettagli di questa decisione.

L’Iran ha abolito la polizia morale?

Sui social in molti hanno iniziato a mettere in guardia gli utenti dalle testate che riportavano questa notizia cercando di fare chiarezza e sostenendo che parlare di abolizione della polizia morale è falso e che le notizie che parlano della decisione dell’Iran in questi termini sono altrettanto false. Mariano Giustino, giornalista di Radio Radicale, ha affrontato l’argomento in alcuni tweet pubblicati oggi sul suo profilo. In uno ha scritto: «State diffondendo notizie false, ve ne rendete conto? Fate attenzione, prima di diffondere bufale del regime in Iran. Bastava consultarmi e v’avrei detto che Montazeri non ha abolito la polizia morale. In realtà vi è scontro nel nella Repubblica islamica». In un tweet successivo ha scritto che la notizia è stata smentita dallo stesso Montazeri, che ha sottolineato che non ha la facoltà di abolire la polizia morale e che non è competenza del Ministero della Giustizia iraniano. Secondo Giustino la notizia sarebbe stata «diffusa dalla propaganda iraniana per ingannare e dividere i manifestanti nel tentativo di farli desistere dallo scendere in strada». 

Anche la giornalista di CBCN News Nahayat Tizhoosh ha spiegato in un thread su Twitter che Montazeri non è responsabile della polizia morale e che non ha specificato come e quando la polizia morale sarebbe stata abolita né da chi. Tizhoosh ha scritto che non si spiega perché alcuni giornali, tra cui il New York Times, abbiano tratto delle conclusioni affrettate basandosi sulle parole di Montazeri.

Anche Patrick Zaki si è scusato per aver diffuso la notizia dell’abolizione della polizia morale sul suo account Twitter. In un tweet precedente aveva scritto: «Alcuni iraniani affermano che le notizie pubblicate sui media internazionali sull’abolizione della polizia morale non sono vere al 100%».