Attualità

La sinistra trionfa 8-1: il giorno nero di Salvini e Meloni

neXt quotidiano|

gualtieri vittoria

E’ stata una vittoria bulgara per il centrosinistra, Torino e Roma sono tornati a casa del Partito Democratico dopo le esperienze grilline. Napoli e Bologna archiviate, Sala primo a Milano. E’ stata una festa del centrosinistra: 8-1 nei capoluoghi di provincia, considerando Mastella a Benevento 9-1, e 5-0 nei capoluoghi di regione.

Si sono abbracciati Gualtieri e Zingaretti al comitato fin dal primo primo exit poll che dà vincente il candidato del centrosinistra nella sfida al Campidoglio. Se i dati dell’exit poll dovessero essere confermati, Roberto Gualtieri dovrebbe tenere un comizio a piazza Santi Apostoli verso le 18. Prima il candidato del centrosinistra dovrebbe fare un passaggio nella sede del Pd al Nazareno. A Torino il primo a parlare è stato Fassino dopo il successo di Lo Russo, “Mi pare chiarissimo il risultato, è una netta vittoria di Stefano Lo Russo – ha detto l’ex primo cittadino di Torino, sconfitto clamorosamente all’ultimo scatto cinque anni fa -. I primi 100 seggi su 900 danno un risultato chiarissimo, una maggioranza molto larga. Merito innanzitutto di Lo Russo, che ha condotto una campagna elettorale straordinaria”.

La sinistra trionfa 8-1: il giorno nero di Salvini e Meloni

Ai dem non riesce il ribaltone a Trieste, rimane l’unico capoluogo di centrodestra dove il fonextrzista Di Piazza rimarrà primo cittadino. Meglio va per Savona, dove Marco Russo porta a diventa il sindaco con il 62,20%, a Latina perde Zaccheo del centrodestra e cade la Lega di Matteo Salvini: il caso Durigon-parco Hitler ha contribuito alla riconferma di Coletta. A Benevento Clemente Mastella si riconferma sindaco, lui sceso in campo con una civica.

Rimane drammatico l’astensionismo con numeri che denunciano un totale disinteresse dei cittadini verso coloro i quali li amministreranno.