Attualità

Stop Vivisection bocciata: una vittoria per la scienza

Ve la ricordate Stop Vivisection? Si trattava di un’iniziativa promossa da un comitato italiano che aveva raccolto il milione di firme necessarie per poter presentare davanti alla Commissione Europea la proposta di abolizione totale della vivisezione (ma sarebbe più corretto chiamarla sperimentazione animale) nei paesi dell’Unione Europea. L’idea faceva eco ad alcune dichiarazioni fatte in aula dalla Senatrice/cittadina/portavoce Paola Taverna proprio a proposito dell’abolizione della sperimentazione animale finalizzata alla ricerca scientifica in Italia. Idee che abbiamo confutato punto per punto qui. L’iniziativa dei cittadini europei denominata Stop Vivisection era invece stata criticata su Nature da Kay Davies.
paola taverna
 
COSA VOLEVANO QUELLI DI STOP VIVISECTION
Il comitato promotore e i firmatari (oltre un milione) chiedevano l’abrogazione della direttiva europea 2010/63/EU e l’abolizione della sperimentazione animale in Europa. La cosa davvero incredibile è che Stop Vivisection mirava ad abolire proprio quella normativa europea a garantisce la difesa dalla qualità della vita degli animali da laboratorio e a prevede la necessità di ricorrere, ove possibile e secondo criteri di certificazione ben precisi, a metodi di sperimentazione alternativi. L’effetto paradossale di un’eventuale vittoria del comitato promotore avrebbe causato non solo la creazione di un vuoto normativo che avrebbe rallentato o bloccato la ricerca scientifica ma anche avrebbe danneggiato gli interessi degli stessi animali che l’iniziativa voleva difendere. Infatti il cammino per giungere alla stesura definitiva della direttiva europea 2010/63 (che è stata recepita l’anno scorso dal legislatore italiano) è stato lungo e difficile che, pur tutelando la salute degli animali da laboratorio salvaguardava la ricerca scientifica indicando il principio delle tre R (Replacement, Refinement and Reduction of animals in research) come linea guida per il futuro sviluppo della sperimentazione animale.
 
LA RISPOSTA DELLA COMMISSIONE EUROPEA
Dopo l’audizione pubblica dei membri del comitato promotore Stop Vivisection è arrivata oggi la decisione della Commissione. Niente da fare, pur accogliendo con favore l’iniziativa la Commissione sottolinea la realtà delle cose: non è possibile al giorno d’oggi fare a meno della sperimentazione animale. Abolire la direttiva 2010/63/EU significherebbe privare la Comunità Europea di uno strumento indispensabile per tutelare la salute degli animali utilizzati per fare ricerca. La Commissione ha quindi rigettato la richiesta dell’iniziativa dei cittadini europei

In risposta all’iniziativa dei cittadini europei “Stop Vivisection”, la Commissione conclude quanto segue: accoglie con favore la mobilitazione dei cittadini europei a sostegno del benessere degli animali.
L’iniziativa dei cittadini ha offerto l’opportunità di esaminare in modo critico quali sforzi in più l’UE debba compiere per prescindere dall’uso degli animali nella ricerca e nella sperimentazione; sottolinea che, per il momento, la sperimentazione animale continua ad essere importante per tutelare la salute umana e animale e l’integrità dell’ambiente. Mentre ci si adopera per sostituire completamente gli animali con altri metodi, che è l’obiettivo di fondo della direttiva 2010/63/UE, quest’ultima è uno strumento indispensabile a livello dell’UE per tutelare gli animali ancora necessari;
rileva l’importanza che tutti i soggetti coinvolti, dagli Stati membri alla comunità scientifica, non cessino di impegnarsi per realizzare in Europa gli obiettivi della direttiva informati al principio delle 3R, ossia sostituire, ridurre e perfezionare l’uso degli animali;
fa presente che la direttiva 2010/63/UE al tempo stesso catalizza lo sviluppo e l’utilizzo di metodi alternativi, il che è in linea con la richiesta dell’iniziativa dei cittadini;
non intende pertanto presentare una proposta di abrogazione della direttiva 2010/63/UE né proporre l’adozione di un nuovo quadro legislativo;
riconoscendo pienamente la necessità di vedere realizzati ulteriori progressi scientifici prima che si possano trovare alternative per tutti i settori in cui ancora è praticata la sperimentazione, la Commissione intende continuare a promuovere lo sviluppo e l’attuazione di metodi alternativi, favorire la cooperazione e la condivisione delle conoscenze intersettoriali, convalidare i nuovi metodi e facilitarne il riconoscimento legale. In particolare intende sorvegliare da vicino la conformità alla direttiva 2010/63/UE, in special modo al principio delle 3R, nonché coltivare un dialogo intenso con la comunità scientifica a livello unionale e internazionale per individuare metodi di prova alternativi; a tale scopo entro la fine del 2016 organizzerà una conferenza su come compiere ulteriori passi verso l’obiettivo dell’abolizione della sperimentazione animale; esorta infine gli Stati membri ad adoperarsi, nell’ambito delle loro competenze, per tenere conto dei timori espressi da questa iniziativa, intensificando i loro sforzi per attuare e far rispettare appieno la direttiva 2010/63/UE e partecipando attivamente allo sviluppo di metodi alternativi.

In poche parole la Commissione ritiene che l’attuale normativa sia al passo con i tempi e consenta e garantisca una graduale riduzione del ricorso alla sperimentazione animale. Nella sua decisione la Commissione ricorda che prima di poter eliminare del tutto la sperimentazione animale saranno necessari “ulteriori progressi scientifici“, allo stato attuale non è possibile farne a meno ma l’impegno del legislatore va in una direzione ben precisa.

Oggi così, Stop Vivisection si arrampica sugli specchi
Oggi così, Stop Vivisection si arrampica sugli specchi

 
LA REAZIONE DEGLI ANIMALISTI
Stranamente invece che commentare la notizia gli animalisti preferiscono buttarla in caciara. La pagina Facebook Stop Vivisection ha postato poco fa la “prova” che nelle università italiane si pratica la vivisezione e che i ricercatori si divertono a dare punteggi alla sofferenza che infliggono agli animali. Inutile spiegare che il documento non riguarda esperimenti in atto ma è il modello da compilare al momento di presentare la proposta di ricerca. Proposta che dovrà essere valutata dal comitato etico per la sperimentazione animale dell’Università che dovrà poi valutare se approvarla o respingerla, come spiega Aldo Leone nei commenti:

Benissimo, allora è un modello di presentazione del progetto di ricerca che deve essere valutato dal comitato etico scientifico per la SA.
Dunque dov’è il problema? Loro leggono e se violi le leggi esistenti, non ti concedono la ricerca.
Tutto questo significa che siete inutili: gli enti di controllo e valutazione già esistono, i vostri sono capricci.
State sempre a distorcere la realtà, e manipolare le informazioni per veicolare messaggi a vostro vantaggio. Per come l’avevate presentato, sembrava un modulo per documentare un esperimento in corso. Questo significa distorcere la verità, è normale aver pensato che fosse falso. Non è falso, ma non è comunque ciò che dite voi.
Poni il caso che uno barra l’ultima casella “forti privazioni, mutilazione ed altri traumi” ed “anestesia no”, è sicuro al 100% che venga respinto.

stop vivisection reazione commissione europea  commenti