Fatti

La rissa da Far West al consiglio regionale in Sardegna | VIDEO

Oggi in consiglio regionale in Sardegna lo scontro tra maggioranza e opposizione sul disegno di legge 107, quello che amplierebbe lo staff di Solinas, è degenerato fuori dall’aula in una vera e propria rissa

rissa consiglio regionale sardegna video

Oggi in consiglio regionale in Sardegna lo scontro tra maggioranza e opposizione sul disegno di legge 107, quello che amplierebbe lo staff di Solinas, è degenerato fuori dall’aula in una vera e propria rissa

La rissa da Far West al consiglio regionale in Sardegna | VIDEO

Come potete vedere nel video di Casteddu Online i consiglieri si affrontano sulla rampa di scale: i toni sono molto accesi. Sembra che alcuni dei presenti vengano tenuti fermi per non arrivare allo scontro fisico. Di sicuro si sentono urla come: ” “Che non rompa le p….”, e minacce non chiarissime come ““Te lo sto cercando, te lo sto cercando?”. I commessi del palazzo, riferisce il sito di informazione, sono intervenuti per evitare che accadesse il peggio e la rissa potesse degenerare ulteriormente:

La consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Desirè Manca ha commentato così l’accaduto:

Siamo al delirio!
Scrivo solo questa mattina questo post, schifata da quanto accaduta in aula e ancora scossa da quel che è accaduto subito fuori dall’aula stessa.
Un finale di seduta dove il presidente incarna le famose tre scimmiette, non vede non sente e non parla, evidentemente prono agli ordini di scuderia (lombardi), altro che garante del consiglio.
Scene da far west fuori dall’aula ma all’interno del palazzo del Consiglio regionale, scene che sporcano l’istituzione, scene degne del peggior bar di Caracas, con provocazioni culminate in una vera e propria aggressione con bava alla bocca ed occhi spiritati.
Spero, anzi, pretendo che il Presidente Pais prenda seri provvedimenti, scene di violenza come questa meritano un intervento rigido ed inflessibile da parte di chi, all’interno di quel luogo, dovrebbe mantenere l’ordine

Il disegno di legge 107 prevede la nomina di oltre sessanta figure dirigenziali e non tra uffici della presidenza e degli assessorati regionali e l’istituzione di un Segretario generale, tre dipartimenti e un Comitato di legislazione per l’elaborazione dei testi di legge. Un vero e proprio spreco di denaro pubblico secondo l’opposizione, che costerà 6 milioni 91 mila euro l’anno. Secondo il capogruppo dei Progressisti, Francesco Agus, “Durante i vituperati anni della prima Repubblica nessuno arrivò a tanto. E nessuno avrebbe mai nemmeno sognato di avere come priorità in piena emergenza sanitaria e sociale una legge che non avrà alcun beneficio per i sardi ma garantirà solo stipendi elevati per qualche amico del presidente”.