Attualità

La “razza” sul certificato medico sportivo rilasciato a Bolzano

La denuncia di un cittadino che ha notato quella “variazione” sul documento che contiene il “rapporto della priva da sforzo”

Bolzano

Nel 2019, quando scoppiò la prima polemica sullo stesso tema, la Asl di Bolzano si difese parlando di “errore di traduzione”. Ora il canovaccio rischia di essere riproposto. Se due anni fa si parlava di un questionario consegnato alle scuole – e che dovevano compilare gli studenti -, oggi si parla di quanto compare sul certificato medico di idoneità sportiva rilasciato dal “Servizio di medicina dello Sport” della città altoatesina, dove viene richiesta la “razza” al cittadino che si è sottoposto (o si deve sottoporre) alla visita.

Bolzano, sul certificato medico sportivo si richiedere la “razza”

La denuncia arriva direttamente dalla pagine del quotidiano La Repubblica ed è stata raccontata da Paolo Berizzi. Un settantenne, che vive in provincia di Bolzano, ha raccontato di essersi recato presso il Servizio di medicina dello Sport (via Claudia de Medici) per sottoporsi agli esami di rito per ottenere il certificato medico per l’idoneità sportiva. E lì sul modulo ecco comparire quel termine “razza” all’interno del “rapporto della prova da sforzo”.

“All’inizio non volevo crederci. Ho pensato ‘me lo sono sognato’. E invece, purtroppo, c’è scritto proprio razza. Non era mai successo, nei documenti passati la parola ‘razza’ non era mai apparsa”, ha raccontato il 70enne a Paolo Berizzi. La sua “visita” risale allo scorso 11 ottobre e l’uomo si è subito accorto di quel termine comparso sotto ai suoi dati personali. Ha provato a mettersi in contatto con la sede del Servizio di Medicina dello Sport in cui aveva effettuato gli esami (tra cui quello “da sforzo”) per chiedere delucidazioni. Lo ha fatto perché non era la prima volta che si era sottoposto a questo tipo di visita per conseguire il certificato e nelle precedenti occasioni il termine “razza” non compariva. Ma da Bolzano non è arrivata nessuna risposta.

(foto: da Google Maps)