Attualità

La nuova mappa dei paesi a rischio

Il Corriere della Sera pubblica oggi, dopo l’attentato in Tunisia, la nuova mappa dei paesi a rischio. Spiega il quotidiano:

Una «guida» è certamente il sito Internet della Farnesina che elenca tutti i pericoli in ogni singolo Stato e inserisce eventuali «avvisi particolari». Il resto lo fanno i «report» che gli apparati di sicurezza trasmettono regolarmente a Palazzo Chigi in un aggiornamento della situazione che tiene conto anche delle alleanze tra diverse fazioni islamiche. E dunque in
Kenya a far paura sono gli «al Shabaab» organizzazione affiliata ad Al Qaeda sin dal 2012 che ha già rivendicato numerose azioni anche contro obiettivi frequentati dagli stranieri e secondo gli analisti può contare addirittura su seimila guerriglieri. Il Cairo è una delle città inserite nella lista «nera» del ministero degli Esteri che «raccomanda di evitare i viaggi non indispensabili in località diverse dai resort situati a Sharm el-Sheik, sulla costa continentale del Mar Rosso, nelle aree turistiche dell’Alto Egitto e di quelle del Mar Mediterraneo» e più in generale evidenzia come «in Egitto si continua a registrare un clima che spesso sfocia in turbative per la sicurezza e inazioni ostili anche di stampo terroristico, situazione di cui ogni connazionale deve essere pienamente consapevole e pertanto elevata attenzione va mantenuta nei periodi dell’anno che fanno registrare maggiore afflusso di turisti stranieri». L’intera area del Maghreb viene ritenuta ad altissimo rischio. Non a caso la Farnesinarende esplicita, «di fronte all’innalzamento del livello di allerta terrorismo» la necessità di «osservare estrema cautela nelle grandi città ad elevata presenza turistica come Fez, Rabat, Marrakech, Casablanca e Salé». Ma anche spostandosi verso Oriente, in particolare in Thailandia si deve tenere conto che «una serie di quattro attentati(di cui due a febbraio difronte ad un centro commerciale nel cuore della capitale e dal Tribunale di Bangkok e due il 10 aprile nel parcheggio di un centro commerciale sull’isola di Samui e in un grande magazzino nei pressi di Surat Thani)ha causato alcuni feriti e rende pertanto opportuno mantenere un comportamento improntato alla massima cautela soprattutto nei luoghi di maggiore frequentazione».

La nuova mappa dei paesi a rischio

mappa paesi rischio