Fatti

La nuova e pericolosa “prova di coraggio” social: la Milk Crate Challenge

Dopo diverse segnalazioni, TikTok ha iniziato a bloccare l’hashtag per evitare comportamenti emulativi

Milk Crate Challenge

I social creano mode pericolose. La storia recente di internet ci ha mostrato folli comportamenti da parte di persone – soprattutto giovani – che si sono fatte immortalare in video mentre si accingevano in gesta dagli esiti nefasti. E non solo per le eventuali figuracce, ma anche per la propria salute. E in questa categoria rientra anche quella che è stata denominata Milk Crate Challenge, una sfida tanto in voga su TikTok. E dopo una marea di segnalazioni, il social ha deciso di bloccare l’hashtag e i suoi contenuti.

Milk Crate Challenge, cos’è la nuova pericolosa sfida social

Di cosa stiamo parlando? La Milk Crate Challenge non è altro che una “camminata” su un “percorso” fatto di cassetti di plastica (simili a quelle che contengono le bottiglie di latte, e da questo deriva il nome). Un sali e scendi cercando di rimanere in equilibrio. Ma la superficie è “ballerina” e – spesso e volentieri – il rischio di cadere è più elevato rispetto alla possibilità di camminare avanti e indietro tornando al punto di partenza senza conseguenze. E di incidenti ne sono successi molti, anche abbastanza gravi.

La challenge, come spesso accade, è nata negli Stati Uniti e nel giro di poche settimane i video hanno spopolato sui social. In particolare su TikTok. Nelle ultime ore, però, la piattaforma ha deciso di rendere irraggiungibili tutti quei video per tentare di mettere un freno a questa sfida e placare quei tentativi di emulazione. Perché alcune persone sono finite in ospedale con ossa rotte e commozioni cerebrali dopo esser caduti da quelle casse di plastica nate per contenere le bottiglie di latte e non certo per costruire un ponte su cui camminare.

E persino la Food and Drug Administration americana è intervenuta sul caso. Tirata in ballo dal comico Conan O’Brien, la FDA ha commentato: “Sebbene ci occupiamo del latte, non possiamo consigliarti di provarla. Magari godersi un bel bicchiere e restituire tutte quelle casse al supermercato?”. Una sacrosanta verità.