Attualità

La negazionista che prende a calci l’ambulanza (è stata denunciata)

“Fate terrorismo”: così una donna ha inveito contro un equipaggio del 118 a Milano, poi passando anche a dare calci all’ambulanza. Ma non la passerà liscia

Procida negazionista calci ambulanza milano

“Fate terrorismo”: così una donna ha inveito contro un equipaggio del 118 a Milano, poi passando anche a dare calci all’ambulanza. Ma non la passerà liscia: il presidente dell’associazione InterSos Luca Casé, ha deciso di denunciarla, racconta il Corriere:

La donna, identificata da una pattuglia della polizia locale, sarà denunciata dai legali dell’associazione di soccorso pubblico. E già nei giorni scorsi il presidente Casé era intervenuto pubblicamente per smentire la «fake news» delle ambulanze che viaggiavano vuote. Una scemenza circolata in rete insieme ai video dei pronto soccorso deserti nei tanti gruppi negazionisti che prosperano sui social.

Tutto è accaduto sabato mattina intorno alle 10, quando dalla centrale Areu del 118 arriva una «missione» per un evento medico in codice giallo. Così l’equipaggio della ambulanza InterSos viene spedito in via Ilarione Rancati in «sirena». Quando i soccorritori arrivano nella strada, come da prassi, l’equipaggio sale nell’appartamento — ovviamente visto il periodo con tutte le protezioni anti contagio — mentre l’autista rimane in strada con l’ambulanza. È in quel momento che si avvicina una donna e inizia a inveire contro i soccorritori. Urla che sono «terroristi», che girano «con le sirene per far paura alla gente»

La donna è stata prima fermata dai parenti del malato che si trovava sull’ambulanza e poi dalla pattuglia di vigili fermata dall’autista del mezzo di soccorso.