Fatti

La chiesa che ospita la festa musulmana rimasta senza spazi pubblici

Succede a Fossano: 200 fedeli fedeli della comunità musulmana sono stati ospitati in chiesa per celebrare la festa di «Id el fitr», in concomitanza con la fine del Ramadan

festa musulmana chiesa fossano

Succede a Fossano: 200 fedeli fedeli della comunità musulmana sono stati ospitati in chiesa per celebrare la
festa di «Id el fitr», in concomitanza con la fine del Ramadan.

La chiesa che ospita la festa musulmana rimasta senza spazi pubblici

La comunità musulmana di Fossano aveva richiesto al comune di poter celebrare la festa di «Id el fitr» in una piazza o in un altro luogo pubblico idoneo. Ma non hanno mai ricevuto una risposta. L’anno precedente invece la richiesta era stata negata per le restrizioni antivirus sugli assembramenti e per «carenze documentali relative alla modalità di organizzazione». Proprio le norme anti virus impedivano alla comunità di festeggiare nella moschea locale, troppo piccola per poter contenere tutti e rispettare il distanziamento. Racconta La Stampa Cuneo:

«A Fossano è accaduta una cosa speciale – dice il parroco, don Flavio Luciano, che ha reso disponibili i locali per la celebrazione islamica -. Alle 8,30 noi pregavamo con la messa di sopra, in chiesa, e loro nei locali esattamente sotto. L’ho fatto notare ai fedeli, riflettendo sul salmo che dice: “Dio vuole la salvezza di tutti i popoli”». «Ci siamo sentiti accolti e siamo molto riconoscenti nei confronti di don Luciano e di tutta la Chiesa fossanese – sottolinea Adbelhadi Moujeahid, uno dei responsabili della comunità musulmana -. Il locale è grande e ci siamo sistemati anche nei corridoi all’esterno, riuscendo a stare tutti comodamente. Quella per la fine del mese di Ramadan è una celebrazione speciale: si prega, si fa un discorso e poi ognuno lascia un’elemosina per i bisognosi, uno dei nostri doveri come fedeli». «È stato emozionante vedere arrivare queste persone in un silenzio raccolto, con i loro tappetini. Hanno una dignità incredibile – osserva don Luciano -. Anche da parte loro arriva una predicazione sulla fratellanza universale, sul fatto che il vero musulmano cerca di costruirla».

Fino all’anno precedente al 2020 invece «Id el fitr» a Fossano veniva festeggiata nella palestra comunale, sempre concessa dalla precedente amministrazione. Secondo la comunità musulmana il comune non l’ha resa disponibile . Ma l’amministrazione risponde che è arrivata solo una richiesta generica e che la palestra non è mai stata espressamente chiesta: “Abbiamo preso atto per quanto di competenza sindacale, nel rispetto delle norme”.

Foto copertina: Chiesa Spirito Santo su Facebook