Fatti

Ketanji Brown Jackson, la prima donna afroamericana alla Corte Suprema degli Stati Uniti

@Massimiliano Cassano|

Ketanji Brown Jackson prima donna afroamericana giudice corte suprema stati uniti

La 51enne Ketanji Brown Jackson è la prima donna afroamericana giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti: il Senato ha confermato la sua nomina, voluta fortemente dal presidente Joe Biden, che ha parlato di “momento storico per la nazione”. La Casa Bianca l’ha voluta per sostituire il giudice Stephen Breyer, che nelle scorse settimane aveva annunciato di voler andare in pensione. Il leader della maggioranza democratica al Senato Chuck Schumer ha commentato: “Questa pietra miliare avrebbe dovuto verificarsi generazioni fa, ma siamo sempre sulla strada per un’unione più perfetta. Tuttavia, oggi l’America sta compiendo un passo da gigante verso il rendere la nostra unione più perfetta”. “La gente a volte parla di stare sulle spalle dei giganti – ha aggiunto – beh, il giudice Jackson passerà alla storia come un gigante americano sulle cui spalle gli altri staranno in piedi. E la nostra democrazia starà meglio per questo”.

Ketanji Brown Jackson, la prima donna afroamericana alla Corte Suprema degli Stati Uniti

Brown Jackson finora lavorava come giudice nella Corte di appello federale di Washington D.C. e ha alle spalle una lunga carriera come avvocata. Fa inoltre parte dell’organo direttivo dell’università di Harvard, in cui si è laureata nel 1996. Il suo amore per la legge – scrive il sito della Casa Bianca – risale a quando da piccola si sedeva accanto a suo padre, studioso di giurisprudenza, e lo ascoltava prepararsi per gli esami mentre lei si divertiva con i libri da colorare. La sua nomina ha raccolto il sostegno di tre repubblicani del Senato, che l’ha confermata con 53 voti favorevoli contro 47 contrari. Dopo il suo imminente giuramento, quattro dei nove giudici saranno donne. Dei cinque uomini, quattro sono bianchi e soltanto uno, Clarence Thomas, è afroamericano. La maggioranza resta però sempre conservatrice, con 6 toghe contro 3 democratiche. L’ultimo candidato di un presidente non repubblicano ad essere confermato fu Elena Kagan nel 2010.