Fatti

Jona Mullaraj, la pasionaria leghista arrestata per traffico di stupefacenti

Jona Mullaraj, 36enne di origini albanesi, è attivamente impegnata a sostegno della Lega. Ma secondo i carabinieri della compagnia di Desio (Monza Brianza) gestiva una rete di traffico di hashish tra la Brianza e l’hinterland di Milano

jona mullaraj matteo salvini lega

Al momento Jona Mullaraj ha due grandi passioni: la Lega, della quale è accesa sostenitrice e militante attiva, e le proteste dei no vax e no pass, come emerge dal suo profilo Facebook. Ha 36 anni, è di origini albanesi e secondo i carabinieri della compagnia di Desio gestiva una rete di traffico di hashish tra la Brianza e l’hinterland di Milano. La vicenda, che non coinvolge nessun politico della Lega, è emersa per colpa di un suo presunto complice, un pregiudicato di 45 anni con un precedente per violenza sessuale che aveva il compito di custodire un carico da 450 chili.

Il blitz partito da un furto del carico di droga

L’uomo avrebbe però inscenato il furto dell’ingente partita di droga con l’aiuto di un’altra persona, un 43enne di Limbiate: ad accorgersi dell’effrazione, nel garage di un condominio di Cesano Maderno, in Brianza, è stato il portinaio dello stabile, che ha chiamato i carabinieri insospettito anche dal forte odore di stupefacente. I militari agli ordini del maggiore Luigi Perrone, coordinati dal pm Carlo Cinque, hanno effettuato un controllo a casa del 45enne a Cesate, dove hanno rinvenuto 80 chili del carico che faceva riferimento a Mullaraj. La donna, infatti è stata riconosciuta dalla proprietaria del garage come quella che passa a ritirare le chiavi dello stesso, nonostante il contratto sia intestato a una prestanome. Lei stessa compare in alcune conversazioni intercettate, e secondo gli inquirenti gli elementi a suo carico sarebbero “inequivocabili”. I militari di Desio non si sono fermati al sequestro, ma hanno approfondito le indagini scoprendo un commercio di hashish al dettaglio gestito da un 38enne pusher di strada attivo a Senago, sempre nel milanese, documentato con intercettazioni video che hanno registrato da vicino gli scambi tra droga e soldi.

I rapporti di Jona Mullaraj con la Lega

La Mullaraj lavora a Saronno nel campo dell’edilizia, e adesso, come riporta il Fatto Quotidiano, nel partito è iniziata la gara a scaricarla: “Era una sostenitrice, e non una militante”, dice l’ex sindaco leghista di Saronno Alessandro Fagioli. “C’è stato un periodo in cui partecipava in modo molto assiduo alle attività politiche”, aggiunge un attivista storico. Da almeno due anni sarebbe stata estromessa dall’attivismo politico, ma sul suo profilo si nota anche una foto che la ritrae davanti a un banchetto di raccolta firme per il referendum sulla giustizia, risalente a questa estate.