Fatti

Jacopo Compagnoni, morto travolto da una valanga il fratello della campionessa olimpica Deborah

Il fratello della campionessa olimpica e mondiale di sci Deborah Compagnoni, Jacopo, è morto a 40 anni dopo essere stato travolto da una valanga vicino Sondrio

jacopo compagnoni deborah valanga

Una valanga sulle montagne dell’Alta Valtellina ha travolto e ucciso Jacopo Compagnoni, fratello della campionessa di sci Deborah, prima atleta ad aver vinto una medaglia d’oro in tre diverse edizioni dei Giochi olimpici invernali nella storia dello sci alpino. L’uomo aveva 40 anni ed è stato sorpreso nella zona di Valfurva. L’intervento di un elicottero dell’Areu ha permesso il suo trasporto all’ospedale di Sondalo, ma lo sciatore era già in gravissime condizioni. È deceduto poco dopo l’arrivo. Maestro di sci, guida alpina e maestro di alpinismo, Jacopo Compagnoni faceva parte del gruppo guide alpine di Livigno. Stava scendendo con un amico dal canale Nord del Monte Sobretta, a circa 2.850 metri di quota, nel territorio comunale di Valfurva, vicino Sondrio, quando attorno alle 12 è avvenuto il distacco. La valanga aveva un fronte di un centinaio di metri e lo ha travolto in pieno. Il suo amico è rimasto illeso, ha prestato i primi soccorsi e ha chiamato subito il 112.

Jacopo Compagnoni travolto da una valanga

Lascia due figlie piccole. In contemporanea sono arrivati anche le squadre della Stazione di Valfurva della VII Delegazione Valtellina – Valchiavenna del Cnsas – Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico e il Sagf – Soccorso alpino Guardia di finanza. Oltre che a un’unità cinofila da valanga. Compagnoni è stato individuato in pochi minuti, estratto dalla neve e soccorso, ma non è bastato. Trasportato in codice rosso, è morto per i traumi subiti. Poco dopo la conferma ufficiale della tragica notizia sui social sono apparsi i primi messaggi di cordoglio. Tra questi quello dell’Associazione degli atleti olimpici che esprimono la loro vicinanza e le loro condoglianza alla sorella Deborah, tre volte campionessa olimpica e altrettante campionessa del mondo.