Fatti

La risposta definitiva di Ivan Zaytsev alla “rosicata” di Adinolfi per Paola Egonu

Il leader del popolo della famiglia aveva attaccato Egonu prima delle Olimpiadi, ieri ha raccontato che lei è stata la causa del fallimento di Tokyo. Zaytsev ha risposto a tono, stufo delle parole pronunciate da un non sportivo, per dirne una.

Ivan Zaytsev adinolfi paola egonu

Avrebbe potuto solo festeggiare, magari i meno attenti avrebbero solo messo il like al post di Mario Adinolfi. Invece no, ha voluto rispondere. Mantenendo la sua inspiegabile posizione, quella di un pallavolista esperto sarebbe lecito immaginare.

Eppure a noi, e a molti altri, non risultano grandi trascorsi da pallavolista del fondatore del Popolo della Famiglia.

La risposta definitiva di Ivan Zaytsev alla rosicata di Adinolfi sul Paola Egonu. Il botta e risposta

Adinolfi all’alba dei giochi olimpici si era espresso in maniera molto dura sulla decisione di scegliere come porta bandiera della delegazione azzurra Paola Egonu. Per lui era una questione sportiva, a molti era parsa una polemica legata al colore della pelle. E così all’indomani del successo europeo delle azzurre Adinolfi scrive così, “Mi chiedono un commento su Egonu. Il commento è che alle Olimpiadi ha fallito causando il brutto risultato delle azzurre perché non sa reggere i social – scrive il leader del Popolo della Famiglia -. Il che, confermo, non ne fa una gran vessillifera olimpica. Sono lieto che in un torneo di rilevanza minore abbia fatto bene”. Una valutazione a cui varrebbe la pena apporre delle postille sostanzialmente in ogni parola. Per fortuna ci pensa lo Zar, Ivan Zaytsev, a riassumere in pochi caratteri concetti estrapolati dalla mente di tutti.

L’opposto italiano di origine russa zittisce l’ex giornalista. Non per affetto nei confronti di Egonu, che per altro notoriamente c’è, ma perchè con poche piccole parole Adinolfi aveva: offeso una competizione, gli Europei. Offeso la Nazionale, offeso la capitana e offeso la MVP della competizione. Non sono bastate le regole di Twitter ad impedire che Adinolfi si coprisse di ridicolo.