Attualità

«Italia libera da OGM»

«L’Europarlamento ha approvato (480 sì, 159 no e 58 astenuti) la direttiva che consente a ogni singolo Paese membro di limitare o proibire la coltivazione di organismi geneticamente modificati (Ogm) sul proprio territorio nazionale, anche se questi sono autorizzati a livello europeo. Il compromesso finale fra Commissione europea, Consiglio Ue e Europarlamento è stato raggiunto nell’ultimo giorno del semestre di presidenza italiana dell’Ue. Secondo la Coldiretti nell’Ue nel 2013 erano solo cinque Pesi su 28 a coltivare Ogm (Spagna, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia e Romania), con 148 mila ettari di mais transgenico Mon810 piantati, di cui il 92,5% in Spagna» (Ogm: ogni Paese Ue può vietarli, ok da Europarlamento, Il Corriere della Sera).
 
UN GRANDE RISULTATO
Questo sarebbe il grande risultato secondo il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, e quello delle Politiche agricole, Maurizio Martina, che prosegue: «Un risultato che non era scontato e sul quale si lavorava da più di quattro anni. È una scelta che risponde alle attese degli agricoltori, dei territori e di tutti gli italiani che hanno a cuore la qualità, la tipicità dei nostri prodotti alimentari e il nostro modello agricolo. In Italia rinnoveremo il divieto di coltivazione del mais Mon810 e nei prossimi giorni ci confronteremo con i ministri Lorenzin e Galletti per procedere».
Ogm liberi da
ENTUSIASMO, MA…
Anche Legambiente è, ovviamente, felice (Ogm, Europarlamento approva norma per libera scelta, soddisfatta Legambiente) però: «Intanto […] per salvaguardare l’agricoltura italiana va subito prorogato il decreto di divieto di coltivazione degli ogm attualmente in vigore nel nostro paese e appena la nuova direttiva entrerà in vigore bisognerà attivare subito la procedura di recepimento nazionale». Tanta soddisfazione anche da parte di Greenpeace (Approvata la nuova norma sugli OGM): «Approvata oggi dal Parlamento UE la modifica alla direttiva sugli OGM che consentirà ai Paesi membri di vietare la coltivazione degli organismi geneticamente modificati sul proprio territorio. Una buona notizia? Sì, ma “a metà”: la norma infatti contiene lacune importanti e ci vorranno mesi per il suo recepimento in Italia, mentre dobbiamo difenderci subito dal mais transgenico della Monsanto – il MON810 – unico OGM attualmente autorizzato per la coltivazione in Europa!». Sono incontentabili.
No Ogm
 
SEMINA OGM
Secondo Giorgio Fideanato non solo «Il Friuli Venezia Giulia non è assolutamente Ogm free come ha trionfalmente annunciato il vice presidente della Regione Fvg Bolzonello» ma una semina OGM è imminente. «Nelle prossime settimane procederemo all’ennesima semina di Mon 810, questa volta utilizzando delle serre. […] La norma regionale cozza contro l’ordinamento europeo e la scelta fatta dalla Ue. La Regione si prepari la comunicazione preventiva alla semina di Ogm è già pronta ad essere inviata alle autorità competenti e stavolta non sarò soltanto io a procedere con questo tipo di sementi Ogm» (Europarlamento dice ok a libera scelta stati su Ogm, ANSA). Di OGM abbiamo scritto molte volte. Alla fine di questo articolo c’è un breve elenco di qualche lettura al riguardo.