Attualità

Irene Pivetti e l’indagine per riciclaggio

L’indagine, condotta dal Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf milanese, è in corso da tempo e non è legata alle vicende giudiziarie che hanno coinvolto l’ex presidente della Camera sull’importazione di mascherine

irene pivetti candidata lega noi con salvini roma

Irene Pivetti, ex presidente della Camera e indagata per frode in commercio per aver importato dalla Cina dispositivi di protezione con “certificato falso”, è stata perquisita nell’ambito di un’inchiesta per riciclaggio. L’indagine, condotta dal Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf milanese, è in corso da tempo e non è legata alle vicende giudiziarie che hanno coinvolto l’ex presidente della Camera sull’importazione di mascherine.

Irene Pivetti: l’indagine per riciclaggio

L’inchiesta per riciclaggio su Pivetti e alcune sue società è coordinata dal pm Giovanni Tarzia e non riguarda l’emergenza Covid. Il fascicolo è aperto da tempo in Procura a Milano e oggi sono state effettuate perquisizioni e acquisizioni di documenti. Nei giorni scorsi, invece, la Procura di Roma ha inviato ai colleghi di Milano per competenza territoriale l’indagine avviata nelle scorse settimane sulla società ‘Only Logistics Italia’, amministrata dall’ex presidente della Camera ed ex esponente leghista che era stata capolista di Noi con Salvini a Roma nel 2016. Il procedimento, in cui si procede per il reato di frode nelle pubbliche forniture, riguarda una partita di dispositivi di protezione individuale commissionata nell’ambito dell’emergenza coronavirus. I magistrati di piazzale Clodio, il 29 aprile scorso, avevano effettuato una serie di acquisizioni documentali nella sede della Protezione Civile e in particolare sui contratti di fornitura stipulati con la società. Sulla società della Pivetti per il caso mascherine sono state avviate indagini anche a Savona e Siracusa, mentre a Roma ha aperto un procedimento anche della Corte dei Conti.

irene pivetti candidata lega noi con salvini roma

Le perquisizioni effettuate dal Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf sono ancora in corso nell’inchiesta avviata circa un anno fa, coordinata dal pm di Milano Giovanni Tarzia e non legata al caso dell’importazione di mascherine che vede sempre indagata Pivetti e di cui si stanno occupando le Procure di Milano, Savona e Siracusa. Le perquisizioni riguardano, in particolare, due società riconducibili a Pivetti, di cui una con sede a Milano. Al centro dell’inchiesta operazioni di import-export di un gruppo di società dell’ex esponente leghista. Perquisizioni anche nella sua casa in zona Porta Venezia, a Milano.

Leggi anche: Le intercettazioni di Irene Pivetti e Lele Mora