Sport

L’Inter toglie la fascia di capitano a Icardi su Twitter

icardi inter capitano

«Il Club comunica che il nuovo capitano della squadra è Samir #Handanovic»: con queste poche parole l’account ufficiale dell’Internazionale annuncia la detronizzazione di Mauro Icardi. Un gesto senza spiegazioni ufficiali ma che probabilmente ha un senso se si legge cosa hanno deciso i dirigenti della società ieri dopo l’uscita dell’allenatore Luciano Spalletti sul problema del bomber.

L’Inter toglie la fascia di capitano a Icardi su Twitter

Le dichiarazioni di Spalletti al Tardini dopo la fine della partita con il Parma avevano fatto scoppiare un bubbone: «I direttori hanno accettato di discutere di questo contratto e ora devono andare a definirlo», aveva detto il tecnico incolpando evidentemente la società della situazione di stallo creatasi intorno al rinnovo del centravanti argentino. L’allenatore però è riuscito nell’intento di far arrabbiare Beppe Marotta che ieri lo ha convocato ad Appiano Gentile per un colloquio che non deve essere stato idilliaco.

Anche perché nel frattempo anche Wanda Nara, moglie e manager del calciatore, aveva contribuito ad alzare la tensione sostenendo in tv a Tiki Taka che l’astinenza dal goal del centravanti dipendesse dal fatto che gli arrivavano pochi palloni da giocare. «Mauro è stato servito poco in questo periodo. Se devo scegliere tra il rinnovo e l’arrivo di qualcuno che gli serva cinque palloni buoni, preferisco la seconda opzione». Ovviamente in realtà Wanda punta molto più sul rinnovo che sugli assist, ma la dichiarazione “politica” serviva a spostare l’attenzione dai goal mancati del centravanti incolpando qualcun altro.

Leggi sull’argomento: I Tredicine indagati per i permessi agli ambulanti (strano!)

Il rinnovo e la vendita di Icardi

È a questo punto che probabilmente la società ha perso la pazienza e ha deciso di togliere la fascia di capitano a Icardi su Twitter, ovvero davanti a tutti e nel modo più plateale e spettacolare. Evidentemente considerando prioritari i rapporti della società rispetto a quelli delle procuratrici. Che comunque fanno gli interessi di un giocatore che è appetito dalle big d’Europa e si trova in una squadra in cui molti guadagnano più di lui.

Insieme a Marotta e Spalletti ieri c’erano il d.s. Piero Ausilio e il cfo Giovanni Gardini, che prima avevano assistito all’allenamento della squadra. La svolta nei confronti di Icardi è stata decisa ieri e annunciata solo oggi perché probabilmente prima ne è stata informata la proprietà. Subito dopo è arrivato l’annuncio che oggi mette Icardi un po’ più lontano da San Siro e più vicino alle pretendenti europee. Con buona pace di Wanda Nara.