Attualità

L’insulto di Andrea CPI a Paola De Micheli

andrea cpi paola de micheli

“Il ministro delle infrastrutture e dei trasporti… appena staccato dal turno sulla Salaria”: questo il testo di un messaggio di insulti rivolto alla ministra delle infrastrutture Paola De Micheli (la Salaria è una strada statale dove spesso battono le prostitute), che però ha ricevuto una serie di messaggi di solidarietà da parte dei suoi compagni di partito. Il messaggio e il profilo di chi lo ha pubblicato sono spariti da Facebook.

L’insulto di Andrea CPI a Paola De Micheli

“Oggi un militante di CasaPound si occupa di Paola De Micheli, riversando sulla nostra ministra insulti, odio e sessismo ignobile. Paola e’ da anni impegnata in prima linea ed e’ stata commissario straordiario per il terremoto e la ricostruzione dell’Italia centrale. Ieri Teresa Bellanova, oggi Paola De Micheli: quanta paura e misoginia contro donne forti e impegnate in politica. Insopportabile. Si arriva a dare della prostituta ad una ministra della Repubblica, ma noi siamo con Teresa e Paola e siamo rocce”, dice Stefania Pezzopane. Il profilo con la foto non è più rintracciabile su facebook.

andrea cpi paola de micheli

“Immagino che al tipo di Casapound che ha appena dato della prostituta alla nostra Paola De MICHELI Ministro delle Infrastrutture passera’ in tribunale la voglia di offendere ancora. Intanto solidarietà a Paola ed un abbraccio. Mi sa che la rete è troppo piccola per contenere tutti i frustrati che si sfogano contro le donne in politica. Di qualsiasi partito siano a loro andrà sempre la mia solidarietà. Denunciate, denunciate, denunciate questi poveretti della tastiera. Gli passera’ la voglia”, scrive invece Emanuele Fiano su Facebook. Di qualsiasi partito siano, a loro andrà sempre la mia solidarietà. Denunciate, denunciate, denunciate questi poveretti della tastiera. Gli passera’ la voglia”, dice ancora il deputato dem. Solidarietà a De Micheli anche dal vicepresidente Pd della Camera, Ettore Rosato: “Esauriti gli argomenti, i cretini passano agli insulti. Roba inutile, non spaventano ne’ fermano il lavoro della nuova ministra”, scrive su Twitter.

Leggi anche: I senatori M5S tentati dal no al governo M5S-PD