Fatti

L’auto si ribalta nel fiume Trebbia a Piacenza: quattro giovani trovati morti nell’abitacolo

Quattro giovani ventenni sono stati trovati morti all’interno di un’auto che si è ribaltata e inabissata per metà nel fiume Trebbia alle porte di Piacenza

trebbia piacenza incidente auto ribaltata

Quattro giovani sono stati trovati morti in macchina nel fiume Trebbia, in una zona rurale di Calendasco, alle porte di Piacenza. Ad allertare i vigili del fuoco è stato un pescatore che ha visto emergere la vettura dal fiume, senza avere la certezza che ci fossero persone all’interno. Dopo aver estratto il mezzo dall’acqua, le forze dell’ordine hanno ritrovato i quattro corpi ormai esanimi, e li hanno consegnati al soccorso sanitario. Sono in corso le indagini per capire le dinamiche dell’incidente. Dei quattro, originari di Castel San Giovanni e Borgonovo, due ragazzi di 23 anni, uno di 22 e una ragazza di 21, non si avevano più notizie da ieri sera. E identità non sono ancora state rese note, ma è stato rivelato che fosse il compleanno di uno di loro. Questa mattina le famiglie, allarmate, ne avevano denunciato la scomparsa.

L’auto si ribalta nel fiume Trebbia a Piacenza: quattro giovani trovati morti nell’abitacolo

Secondo una prima ricostruzione i ragazzi avrebbero percorso l’argine con l’auto, attraversando anche un campo agricolo, ma – complice la nebbia molto fitta – il mezzo a un certo punto si sarebbe ribaltato sul terreno sterrato. Sul posto, spesso frequentato da runner mattutini, si è recata anche il Procuratore capo Grazia Pradella, oltre ai genitori delle vittime e diversi amici. L’auto – una Golf grigia – era perfettamente integra all’interno dell’acqua, non lontana dalla riva, ma era rovesciata, inabissata per metà. Il fatto che sia finita con le ruote all’aria ha inciso sulle capacità dei ragazzi di riuscire a mettersi in salvo.

Le parole di cordoglio del sindaco di Calendasco

“Questa è la più grande tragedia accaduta sul nostro territorio”, ha detto Filippo Zangrandi, sindaco di Calendasco. “Perdere quattro vite di ragazzi così giovani. Appena ho saputo dell’accaduto sono voluto venire qui per esprimere vicinanza e un abbraccio carico di umanità alle famiglie delle quattro vittime. Non ci sono parole in questi momenti, solo silenzio carico di umanità e vicinanza”.

 

(foto da: screenshot video Local Team)