Attualità

Il video dei brogli alle primarie di Napoli

video brogli primarie napoli

In questo video di Fanpage.it hostato sul sito di Repubblica possiamo ammirare una serie di voti comprati e pagati direttamente in strada durante le primarie del Partito Democratico a Napoli. Nelle primarie più partecipate della città, dopo la brutta parentesi del 2011 quando le consultazioni furono annullate per una serie di irregolarità, la giovane deputata Valeria Valente, coordinatrice in Campania di “Rifare l’Italia”, vicina al presidente Pd Matteo Orfini, ha battuto il suo “padre politico”, Antonio Bassolino, ex sindaco di Napoli, per due volte Presidente della Regione Campania ed ex Ministro del Lavoro. Valente sfiderà il sindaco uscente, Luigi de Magistris, il candidato del centrodestra, Gianni Lettieri, e il candidato dei Cinque Stelle, il cui nome ancora non si conosce.

Nel primo spezzone del video si vedono persone che spiegano ad altri avventori come votare proprio la Valente in un seggio di Scampia. Nel seggio di Villa San Giovanni si vede proprio la Valente che passa durante il voto a salutare i componenti del seggio tra cui c’è Gennaro Cierro, capogruppo PD alla VIII Municipalità. Subito dopo è lo stesso Cierro a intercettare due persone fuori dal seggio e a fornire loro le istruzioni per votare. La stessa scena si vede in altri seggi, e si ammirano anche consiglieri di circoscrizione che consegnano un euro agli elettori per andare a votare. “L’ho fatto per non essere scortese come partito – spiega all’ANSA Antonio Borriello, uno dei ritratti – faceva freddo, erano venuti lì, non avevano l’euro e così gliel’ho dato io”. Il video girato da Fanpage – dove si parla di soldi dati per votare la candidata Valeria Valente – dice di non averlo visto e aggiunge: “L’ho fatto davanti a tutti, mica di nascosto, c’erano anche altri”. Quell’euro, in effetti, Borriello lo ha dato davanti ad un seggio di San Giovanni a Teduccio, suo ‘quartier generale’, zona dove si è registrata un’altra concentrazione di voti a favore della Valente. “Io quella signora neanche la conoscevo – racconta il consigliere comunale, che nel video saluta la donna – e non ricordavo neanche l’episodio. Forse l’ho fatto anche un’altra volta, neanche ricordo. Alcune persone sono arrivate ai seggi senza l’euro necessario per il contributo e così, per cortesia, gliel’ho dato io”. E