Tecnologia

Il Garante vince contro TikTok, bloccherà tutti gli utenti italiani per una verifica

Il social cinese inserirà anche un pulsante per segnalare profili di minori “sospetti”

tiktok

Alla fine il Garante per la protezione dei dati personali ha vinto nel braccio di ferro contro TikTok (avevamo approfondito l’argomento in questo articolo). Lo ha reso noto proprio l’Autorità di piazza Venezia questa mattina: il 9 febbraio il social cinese bloccherà tutti gli utenti italiani e chiederà che venga fatta una verifica dell’età. Ma non solo: perché farà lavorare degli algoritmi che verificheranno che l’anno di nascita dichiarato corrisponda alla realtà. E, in più, “lancerà una campagna informativa per sensibilizzare genitori e figli”. E ancora, ci sarà un pulsante che permetterà agli utenti di segnalare rapidamente e facilmente altri utenti che sembrano avere meno di 13 anni.

Il Garante vince contro TikTok, bloccherà tutti gli utenti italiani per una verifica

Questa decisione arriva dopo che il 22 gennaio scorso -a seguito della morte della bambina di 10 anni di Palermo- il Garante aveva chiesto a TikTok che fossero adottate urgentemente delle misure per verificare che i minori di 13 anni non avessero accesso alla piattaforma social e che non prestassero il loro consenso al trattamento dei dati personali (sotto quest’età dovrebbero essere i genitori a farlo per loro). Invito che poi il garante, cinque giorni dopo, ha esteso anche a Facebook e Instagram, promettendo di farlo presto anche con tutti gli altri social.

Quindi, chi si sveglierà il 9 mattina e aprirà TikTok per registrare un video o per guardare quelli degli altri, non dovrà preoccuparsi se l’app sarà -inizialmente- bloccata. Basterà inserire data di nascita, e arriverà il via libera. Certo, solo se si è maggiori di 13 anni. In questo modo la partita tra il garante della Privacy e TikTok sembra terminare nel migliore dei modi, senza scontri a viso aperto, che sarebbero durati anni e costati milioni. Mentre l’Autorità di Piazza Venezia aspetta anche un feedback da Mark Zuckerberg, il Garante promette però di vigilare effettivamente che queste misure di controllo vengano messe in campo dai big dei social. E per questo promette: “L’Autorità si è, in ogni caso, riservata di verificare l’effettiva efficacia delle misure annunciate”.

Nel comunicato del Garante per la protezione dei dati personali si legge: “TikTok adotterà misure per bloccare l’accesso agli utenti minori di 13 anni e valuterà l’utilizzo di sistemi di intelligenza artificiale per la verifica dell’età. Inoltre, lancerà una campagna informativa per sensibilizzare genitori e figli. E’ quanto ha comunicato la piattaforma di video sharing  al Garante della protezione dei dati personali, dopo il provvedimento di blocco imposto nei giorni scorsi dall’Autorità.L’Autorità si è, in ogni caso, riservata di verificare l’effettiva efficacia delle misure annunciate. A partire dal 9 febbraio, dando attuazione alle richieste del Garante, Tik Tok bloccherà tutti gli utenti italiani e chiederà di indicare di nuovo la data di nascita prima di continuare ad utilizzare l’app. Una volta identificato un utente al di sotto dei 13 anni, il suo account verrà rimosso”.