Attualità

Il furto della statua della Madonna a Roasio

Il parroco, don Jarek Dobkowski, accusa i satanisti

statua della madonna roasio

Furto nella chiesa di San Maurizio, a Roasio (Vercelli). La notte del Venerdì Santo ignoti hanno trafugato dalla parrocchia una statua della Madonna con bambino. A rivelare l’episodio è stato il parroco, don Jarek Dobkowski, durante l’omelia della veglia pasquale. “si tratta di un sacrilegio gravissimo, un atto profanatorio di chiara matrice satanista – ha detto il sacerdote -. Tale perversione può essere solo di chi è armato dalla mano del Maligno”.

 

statua della madonna roasio 1

La statua si trovava all’esterno dell’edificio religioso. Non era di particolare pregio artistico o storico, ma aveva un valore altamente simbolico per la piccola comunità di Roasio, poco più di 2.300 abitanti. Sull’episodio è stata sporta denuncia. Intanto oggi a Roma una cittadina bosniaca di 31 anni, domiciliata presso il campo nomadi “Castel Romano” e già nota alle forze dell’ordine, e’ stata arrestata ieri pomeriggio dai carabinieri della Stazione Roma Quirinale perché sorpresa dopo aver prelevato denaro dalle cassette delle offerte di due chiese del centro storico. La donna era stata notata dai carabinieri all’uscita della chiesa di Santa Maria Maddalena, in piazza delle Maddalene, ed è stata fermata per un controllo.

Con sé aveva un metro metallico allungabile, su cui aveva applicato del nastro adesivo in punta, e molte monete. Gli immediati accertamenti dei Carabinieri hanno consentito di verificare che la donna si era appena impossessata del denaro contenuto nelle cassette delle offerte della stessa chiesa e, poco prima, della chiesa “San Salvatore alle Cappelle”, in piazza delle Cappelle, utilizzando lo stesso metodo.

Foto copertina da: Notiziaoggi

EDIT 23 APRILE 2019: La ‘Madonna con Bambino’ era stata soltanto presa in consegna da una chiesa vicina vicino perché fosse pulita. L’equivoco, ieri, ha seminato lo sconcerto nella comunità di Roasio. Don Jarek aveva denunciato la scomparsa della statua, che si trovava all’esterno della chiesa di San Maurizio, durante l’omelia di Pasquetta: “Tale perversione – aveva detto – può essere solo di colui che è armato dalla mano del Maligno”.In realtà era stato il reggente della chiesa di San Bernardo di Gattinara a farla prelevare per provvedere alla pulizia e al ripristino. Il trasloco temporaneo era stato deciso tra lo stesso reggente di San Bernardo e il predecessore di don Jarek, don Giovanni Carenzo, deceduto di recente. Operazione della quale, evidentemente, don Dobkowski non era stato messo a parte. La statua, dal modesto valore economico, tornerà al suo posto tra pochi giorni.