Attualità

Il delirante discorso complottista di Sara Cunial alla Camera e gli applausi della Lega

In un minuto e mezzo la deputata ex M5S, oggi paladina dei complottisti, è riuscita nell’impresa di mettere insieme tutte le teorie cospirazioniste e No-vax più diffuse. Tra gli applausi dei colleghi leghisti

Mentre tutte le attenzioni erano concentrate sulle parole di Giuseppe Conte e sulla conta dei parlamentari, alla Camera è andato in scena, in verità un po’ in sordina, uno dei discorsi più surreali nella storia di Montecitorio. Protagonista di questo delirio è, tanto per cambiare, Sara Cunial, la deputata eletta tra le fila del Movimento 5 Stelle (oggi al Misto) che, nell’ultimo anno, è diventata una paladina dei cospirazionisti. Cunial riesce nell’impresa di riassumere in un minuto e mezzo tutte le più diffuse teorie pescate qua e là dai movimenti No-vax (“la vostra faccia da vaccino”), No-mask (“schiavizzando il popolo”), complottiste (“avete ridotto l’Italia a campo di sperimentazione delle vostre terapie geniche”), a tratti fusariane (“devoti al culto turbocapitalista”), tanto per non farsi mancare nulla.

“Caro Giuseppi” esordisce Cunial, “il tempo legittima l’esistenza e voi siete scaduti e di molto. Oggi siete qui con la vostra faccia da vaccino, rei di aver fatto fallire e avere imbavagliato l’onestà intellettuale, schiavizzato il popolo, riducendo l’Italia a campo di sperimentazione delle vostre terapie geniche. Per distogliere le attenzioni sui brogli elettorali internazionali, pilotati dal centro di comando della partecipata di Profumo, continuate a comprarvi tutti riesumando spettri politici coerenti con la scelta di far gestire l’emergenza dal nipote putativo di Gelli.

Sin qui è il solito delirio. Solo che dai banchi della Lega, invece di un rassegnato silenzio, arrivano applausi e grida di approvazione. Non so se è chiaro quello che è accaduto: i deputati del primo partito politico italiano applaudono una che in Parlamento accusa senza mezzi termini il Presidente del Consiglio di aver “schiavizzato il popolo e ridotto l’Italia a campo di sperimentazione delle vostre terapie geniche”. In un Paese normale, per una cosa del genere, saresti costretto a dimetterti cinque minuti dopo. Qui da noi la performance di Cunial diventa un video virale su Youtube da 120.000 visualizzazioni e 10.000 like, tra cui – non c’è neanche bisogno di dirlo – centinaia di elettori proprio della Lega, a chiudere quel cerchio di sovranismo, estremismo di destra e complottismo che intossica ormai senza rimedio questo Paese.

“Ringrazio i cittadini italiani che ogni giorno, nonostante i vostri Dpcm, ci insegnano a obbedire alla Costituzione” prosegue Cunial con tono ormai marziale. “Dovremmo andarcene tutti  a casa, governo e Parlamento, e far entrare gli italiani che si stanno facendo in quattro per essere i veri responsabili d’Italia e mandare avanti questo Paese. A voi che osate mettere un cittadino contro l’altro, devoti al culto turbocapitalista del debito a tutti i costi per condannare le nuove generazioni, dico né Cadorna né Diaz, perché “L’Italia ripudia la guerra”, anche quella a base di virus. E l’Italia non solo ripudia la guerra ma condanna duramente voi che ne siete i mandanti.”

Il minuto e mezzo è finito, si spegne il microfono, Cunial torna a sedersi e cessano anche gli applausi. La propaganda No-vax e cospirazionista è passata come se nulla fosse in diretta televisiva davanti a milioni di italiani, nel bel mezzo di uno dei momenti politici più importanti e seguiti dell’ultimo decennio. La parola può passare all’onorevole Sgarbi. The show must go on.