Fatti

Il corpo di Tiziana Cantone sarà riesumato

Dopo il presunto utilizzo del cellulare di Tiziana Cantone dopo la sua morte sono state aperte a gennaio le indagini per omicidio contro ignoti. Per questo motivo il cadavere della donna sarà riesumato

tiziana cantone chi l'ha visto

Dopo il presunto utilizzo del cellulare di Tiziana Cantone dopo la sua morte sono state aperte a gennaio le indagini per omicidio contro ignoti. Per questo motivo il cadavere della donna sarà riesumato

Il corpo di Tiziana Cantone sarà riesumato

Sarà riesumato il cadavere di Tiziana Cantone, la 31enne trovata morta il 13 settembre 2016 a Mugnano (Napoli) dopo la diffusione online di alcuni suoi video e foto hard. Lo ha disposto il sostituto procuratore della Procura di Napoli Nord Giovanni Corona nell’ambito delle indagini aperte lo scorso gennaio dalla Procura aversana con la formulazione dell’ipotesi di omicidio contro ignoti, “atto dovuto” alla luce della denuncia presentata dagli avvocati di Maria Teresa Giglio, madre di Tiziana Cantone. I legali hanno presentato degli accertamenti relativi a un presunto utilizzo del telefono cellulare della ragazza dopo la sua morte e ritengono vi siano elementi tali da ipotizzare che la ragazza non si sia suicidata. La riesumazione dovrebbe avvenire nei primi giorni di giugno. In pratica l’iPhone di Tiziana dopo il sequestro è stato acceso, sbloccato e utilizzato per oltre un’ora.  Inoltre come racconta Quotidiano.net:

Quindi, ipotizzano i tecnici informatici, qualcuno riuscì a entrare in quel cellulare trovato a poca distanza dal corpo esanime della 31enne, e, la cosa più grave l’utilizzo del telefono per navigare sul web “è avvenuto mentre il telefono era sotto sequestro”. Inoltre il pool di esperti ha scoperto che anche tre giorni dopo la morte di Tiziana c’è stato un altro accesso al cellulare, che per il perito nominato dalla Procura era ancora bloccato.  Inoltre i tabulati telefonici hanno mostrato che il cellulare in uso all’ex fidanzato di Tiziana era acceso e funzionante a pochi metri dall’abitazione vittima, mentre gli stessi carabinieri erano ancora sul posto