Fatti

I Sentinelli di Milano denunciano Fabio Tuiach per omofobia

Dopo l’ennesima dichiarazione omofoba del consigliere comunale di Trieste, il gruppo milanese di attivisti per i diritti ha annunciato che porterà in tribunale il politico e pugile triestino. E arrivano centinaia di commenti a sostegno dell’iniziativa

fabio tuiach

“Lo denunciamo!” Con queste parole i Sentinelli di Milano hanno annunciato sulla propria pagina Facebook la decisione di denunciare alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trieste il consigliere comunale Fabio Tuiach in seguito alla sua ultima dichiarazioni shock – l’ennesima di una lunga serie – su un caso di cronaca che ha visto vittima un uomo massacrato di botte, vittima dell’ultimo, gravissimo, episodio di omofobia.

“Forse – ha commentato Tuiach su Vk, il social degli estremisti di destra – ha litigato col fidanzato per la vaselina”. Una frase agghiacciante che ha scatenato l’ondata di indignazione della rete. Ma c’è chi, come i Sentinelli di Milano, hanno deciso di non fermarsi alle parole, rivolgendosi all’avvocata Paola Ponte per portare il caso davanti a un giudice.

“Abbiamo una notizia importante da darvi” hanno scritto sui social – I Sentinelli di Milano hanno deciso di denunciare alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trieste FABIO TUIACH in seguito a questo post scritto su un social. I contenuti sono ancora più gravi in ragione della figura dell’autore Consigliere Comunale di Trieste, personalità in vista e con incarico istituzionale. Le parole utilizzate non possono che essere considerate un incitamento all’odio sulla base dell’orientamento sessuale. Le parole formano uno scritto allusivo solo in apparenza, ma che denota e specifica un tratto significativo, caratterizzato da pesante intolleranza e sprezzante omofobia.
La denuncia vuole essere anche l’occasione per ricordare l’esigenza di avere presto approvata la legge Zan contro l’omolesbobitransobia che non può più aspettare.
I SENTINELLI DI MILANO
Grazie all’Avvocata

Paola Ponte

del Foro di Milano per il prezioso supporto.

Vi chiediamo di condividere questo post.
Vi chiediamo di far sapere a tutti che non abbiamo più intenzione di sopportare in silenzio.
Un abbraccio ad Antonio, ultima vittima dell’intolleranza.”
Sotto il post e in privato sono state centinaia le reazioni positive all’iniziativa dei Sentinelli, tantissimi quelli che hanno offerto il proprio sostegno pratico affinché Tuiach sia finalmente giudicato per il suo conclamato odio in rete, con cui negli anni ha colpito ovunque e chiunque, da Liliana Segre agli ebrei, dagli omosessuali ai migranti, in un crescendo di delirio estremista.
“Sapete la cosa più bella che è successa da quando ieri sera abbiamo fatto questo annuncio?” si legge nel post successivo, sempre sulla pagina dei Sentinelli – La quantità di persone che c’hanno scritto per rendersi disponibili a contribuire a pagare le spese dell’auspicabile processo contro questo personaggio.
Ovviamente vi terremo aggiornati sullo sviluppo della questione. Per ora grazie a tutti del sostegno.”